rotate-mobile
Sabato, 24 Settembre 2022
Politica Mirandola

Le scuse sopo il vandalismo, Satte: "Gesto da irresponsabili, ma non volevo ledere la memoria"

L'ormai ex segretario dei Giovani Democratici si scusa con la comunità per il gesto compiuto nottetempo mentre si trovava insieme ad amici in piazza Costituente

"Vorrei dire pubblicamente che mi assumo la piena responsabilità di quanto ho fatto. Chiedo scusa ai miei genitori per aver tradito i loro insegnamenti, alla comunità politica del PD della quale faccio parte e alla quale ho presentato subito le dimissioni come segretario neoeletto dei GD e infine alla comunità mirandolese che mi ha accolto. Ci tengo solo a precisare che e’ stato unicamente un gesto da irresponsabili che però non aveva assolutamente come obiettivo quello di ledere la memoria delle vittime del terribile terremoto del 2012".

Così Marouane Satte commenta in prima persona il gesto deprecabile che lo ha visto protagonista di un vandalismo nella notte fra il 10 e l'11 agosto, quando ha danneggiato l'opera realizzata in piazza Costituente da scout e studenti per ricordare le vittime del sisma nell'ambito delle commemorazioni del decennale. Un gesto ripreso e postato su Instagram che si fatica a trovare una spiegazione logica.

Memoriale sfregiato, il vandalo è il segretario dei giovani del Pd. Sospeso dal partito

Un episodio che probabilmente interromperà l'impegno pubblico del giovane mirandolese. Un impegno nato, come per tanti ragazzi appassionati di politica, sui banchi di scuola delle superiori, con l'esperienza come rappresentante di istituto al Liceo "Pico" e proseguita con l'attivismo studentesco, quello nella comunità islamica del suo territorio, fino all'organizzazione locale delle piazze delle Sardine due anni fa. L'esperienza nelle fila dei Giovani Democratici era stata costante, fino all'elezione a segretario della Bassa, avvenuta appena un mese fa.

La Giovanile del Pd e tutto il partito si sono immediatamente dissociati da quanto accaduto e lo stesso Satte ha fatto un passo indietro: "Come Giovani Democratici della Federazione di Modena non possiamo quindi che dissociarci dall’atto compiuto. L’autore del gesto nel pentirsi e scusarsi con la comunità di Mirandola e nel rendersi disponibile a rimediare a quanto fatto, ha già rassegnato le sue dimissioni ed è stato sospeso dalla commissione di garanzia del Partito Democratico e dei Giovani Democratici, data l’incompatibilità del gesto, che ribadiamo essere ingiustificabile, con la carica fino ad ora ricoperta e i valori che rappresenta".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le scuse sopo il vandalismo, Satte: "Gesto da irresponsabili, ma non volevo ledere la memoria"

ModenaToday è in caricamento