Moschea, Qatar e terrorismo: a Mirandola è di nuovo scontro politico

Dopo gli sviluppi internazionali Forza Italia torna all'attacco: "Centro islamico finaziato con fondi qatarioti, valutare la chiusura". Replica il sindaco Benatti: "Sbagliato fomentare paure, viviamo in uno stato di diritto"

Egitto, Arabia Saudita, Emirati Arabi , Bahrain e Yemen hanno annunciato lo stop dei rapporti diplomatici col Qatar accusato di sostenere e proteggere numerosi gruppi terroristici che minano a destabilizzare la regione. Una notizia che è riecheggiata anche nella Bassa modenese, riaprendo l'annosa questione dei finanziamenti ottenuti dal centro islamico di Mirandola, tra i cui sponsor per la ricostruzione post sisma non vi è stata solo la  quota pubblica della Regione, ma anche i petroldollari del sovrano del Qatar.

"Gli appelli lanciati ai tempi della realizzazione della moschea affinché si controllasse sull'origine dei finanziamenti celebrati direttamente dal principe del Qatar Nasser Al Thani a capo della Qatar Charity Foundation e che attraverso l'Ucooi sono arrivati in Italia e a Mirandola, sono rimasti inascoltati – spiega il consigliere di Forza Italia Antonio Platis - il Sindaco Maino Benatti, continuerà, come fece un anno fa rispondendo ai giornalisti, a non interessarsi dei finanziamenti e, anzi, continuerà a paragonare il Qatar a qualsiasi altro paese occidentale?".

Anche il consigliere regionale Enrico Aimi aveva alzato i toni sulla questione dei centri religiosi locali: "Interrogherò la Regione per avere un censimento di tutti i centri aperti sul nostro territorio. Siamo stufi di scoprire, il giorno dopo, che gli autori degli attentati erano conosciuti alle forze di polizia e ai servizi segreti. Tutti noti, tutti schedati ma impossibile fermarli ed espellerli. E allora ribaltiamo il concetto: tratteniamoli con leggi speciali. Illudersi di uscire da questa tragedia con mezzi ordinari e' un attentato alla vita dei nostri popoli. I politici che continueranno con le chiacchiere sull'integrazione saranno responsabili di queste tragedie, cosi' come lo sono coloro che continuano a far sbarcare quotidianamente migliaia di clandestini sul nostro territorio".

La replica di Maino Benatti, sindaco di Mirandola, si è fatta attendere per poche ore: "Se Antonio Platis ed Enrico Aimi hanno delle informazioni che Prefettura, Commissariato e servizi segreti non hanno, sono pregati di fornirle, altrimenti evitino di sollevare polveroni, moltiplicare paure e aizzare all’odio razziale". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Che piaccia o no a Platis e ad Aimi, viviamo in uno Stato di diritto e fino a quando polizia e magistratura non accertino irregolarità o situazioni illegali, noi garantiremo libertà di associazione e di culto, come prescritto dalla nostra Costituzione – ha proseguito il primo cittadino – Del resto, è quanto si sta facendo in tutta Europa. Nessuno, anche dopo gli attentati terroristici di Parigi, Londra, Manchester, Berlino, ha preteso di chiudere moschee in Francia, Inghilterra e Germania. Continuare a confondere Islam e terrorismo, considerandoli due facce della stessa medaglia, è un grave errore politico e culturale. Per quanto mi riguarda, continuo a pensare che in una società multietnica e multireligiosa come le nostre sia necessario il dialogo e non lo scontro. Innalzare i muri e farsi dominare dalla paura non serve a nulla, anzi, è esattamente fare il gioco dei terroristi". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come eliminare il grasso in eccesso? Gli specialisti di Modena usano... il freddo!

  • Temporali. Ancora grandine e vento forte, crollati diversi alberi

  • Covid, 6 casi nel modenese. Un nuovo ingresso in terapia subintensiva

  • Covid, famiglie e imprese dovranno segnalare i rientri dall'estero. Poi quarantena in hotel

  • Contagio Trovati 15 nuovi casi nel modenese: erano già quasi tutti in isolamento

  • Si scaglia contro la moglie e la pesta in piazza, arrestato dalla Polizia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento