Scuola, mobilitazione dei genitori: “A Modena tagliate 123 cattedre”

L'on. Manuela Ghizzoni (Pd): "A rischio l'istruzione, mentre crescono le iscrizioni vengono sistematicamente tagliate le risorse"

Domani dalle 9 alle 18, in Piazza Matteotti, i genitori modenesi si mobiliteranno per richiamare l’attenzione sui problemi della scuola pubblica. Anche in città. «Questi sono i giorni in cui le scuole ricevono dal provveditorato i numeri relativi all’organico di diritto, ovvero la previsione del numero di docenti che verranno loro assegnati» spiega il deputato del Pd Manuela Ghizzoni. «E anche quest’anno, sull’onda lunga della legge Gelmini che 3 anni fa impose risparmi per oltre 8 miliardi alle scuole statali, la notizia è che questi tagli si tradurranno in diminuzione del servizio e della qualità: avremo infatti 123 insegnanti in meno, ma con 880 alunni in più, meno tempo a scuola e classi sempre più numerose con ricadute anche sulla sicurezza» denunciano i genitori modenesi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


In particolare nella scuola dell’infanzia mancheranno almeno 10 sezioni, alle primarie non sarà possibile soddisfare tutte le richieste di classi a tempo pieno e scompariranno anche gli insegnanti specialisti di inglese. Nelle scuole medie invece verranno cancellate tutte le classi con orario prolungato, anche quelle già esistenti, e «42 cattedre saranno soppresse nonostante 460 alunni in più». Anche peggio alle superiori. Qui il taglio nella nostra Provincia sarà di ben 70 insegnanti, e verranno cancellate tutte le sperimentazioni avviate. «Desideriamo – sostiene la Ghizzoni – una scuola che, insieme a noi, accompagni i nostri figli nel loro percorso di crescita, perché è nella scuola che, attraverso gli apprendimenti e lo stare con gli altri, diventano persone e sperimentano le prime forme di società e cittadinanza». Quindi tutti in piazza per ‘difendere’ la scuola. Anche di sabato, quando l’anno scolastico è appena terminato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale e grandine, una furia in piena notte si abbatte sulla provincia

  • Come eliminare il grasso in eccesso? Gli specialisti di Modena usano... il freddo!

  • Festa de L'Unità, prime anticipazioni sugli spettacoli di Ponte Alto

  • Coronavirus, individuati 56 nuovi casi positivi. Due i decessi

  • Temporali. Ancora grandine e vento forte, crollati diversi alberi

  • Covid, 6 casi nel modenese. Un nuovo ingresso in terapia subintensiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento