rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Politica Serramazzoni

Serramazzoni, le sinistre plaudono alle dimissioni della Fornari

Mario Ori (PdCI) e Stefano Lugli (Prc) soddisfatti dell'uscita di scena del primo cittadino in seguito agli scandali che hanno convolto l'Amministrazione comunale: "Ora necessario voltare pagina"

In principio fu l'anno scorso il leghista Mauro Manfredini a scrivere all'allora Ministro dell'Interno Roberto Maroni per chiedere il commissariamento del Comune di Serramazzoni a causa della bufera giudiziaria piombata sulla Giunta Ralenti. Poi furono il Pdl con Andrea Leoni e la Federazione della Sinistra, in seguito a nuovi scandali, a chiedere lo scioglimento del Comune da parte del Viminale. Dopo le dimissioni del Sindaco Sabina Fornari, Stefano Lugli (Prc) e Mario Ori (PdCI) cantano vittoria: "Siamo contenti - si legge in una nota -che, sia pur tardivamente, il sindaco Fornari abbia finalmente preso atto della insostenibilità della situazione in cui la sua giunta e, soprattutto, lo stesso Sindaco si sono venuti a trovare dopo le ultime inchieste giudiziarie". Secondo Lugli e Prc, è stato "quanto meno risibile il tentativo da parte dell'attuale sindaco di prendere le distanze dalla precedente gestione urbanistica e edilizia di cui la stessa Fornari era stata negli anni precedenti massima responsabile come assessore di questo settore e come massimo responsabile politico, unitamente all’ex Sindaco Ralenti, degli abusi oggi emersi - hanno concluso - Speriamo che, mentre le inchieste procedono e ci auguriamo possano fare chiarezza sulla lunga stagione di malaffare, si possa ora aprire una nuova prospettiva di legalità, correttezza e trasparenza nella politica serramazzonese e dopo la stagione del commissariamento si possa, con le prossime elezioni del 2013, finalmente voltare pagina".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serramazzoni, le sinistre plaudono alle dimissioni della Fornari

ModenaToday è in caricamento