rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Politica

Bilancio Comunale, i sindacati approvano le scelte

Dopo lunghe trattative stamattina si è giunti all'accordo con la firma del Protocollo che impegna l confronto l'Amministrazione e le rappresentanze sindacali.

Si devono ispirare alla salvaguardia della coesione sociale e dell’equità le linee strategiche del bilancio comunale. Fermo restando il giudizio positivo su un impianto di bilancio improntato “alla tenuta della coesione sociale e al rilancio degli investimenti pubblici, anche se questa impostazione richiede un appesantimento del carico fiscale su famiglie e imprese”, le organizzazioni sindacali chiedono che in materia di riduzioni di spesa si prosegua sulla strada della riorganizzazione della macchina comunale; esprimono preoccupazione per l’aumento della tassazione e condividono la necessità di utilizzare la leva degli investimenti pubblici anche attraverso la dismissione di patrimonio immobiliare e mobiliare.

In particolare, sulla possibilità di vendere quote delle Farmacie comunale e di Hera, le rappresentanze sindacali chiedono, “un confronto costante, anche alla luce dei nuovi interventi legislativi” e sottolineano che “ritengono fondamentale preservare il controllo pubblico a partire dal mantenimento del 51 per cento della proprietà pubblica”. L’Amministrazione, da parte sua, ribadendo che l’impiego di quote di patrimonio mobiliare per sostenere gli investimenti è, nei fatti, imposta dal patto di stabilità che esclude tali entrate e spese dal calcolo e, quindi, aumenta le possibilità di pagamento dell’ente, ha precisato che “pur restando l’obiettivo del controllo pubblico di Hera, le forme e i modi dovranno essere concordati in sede di patto di sindacati con gli altri Comuni”.

In materia di riduzione di spesa, Cgil-Cisl-Uil ritengono prioritaria la salvaguardia del sistema dei servizi socio-assistenziali-educativi e ritengono necessario avviare un confronto sul sistema educativo, sull’applicazione del nuovo Isee che consentirà di accrescere il livello di equità del sistema e sulla razionalizzazione della pubblica amministrazione in relazione alla gestione di servizi su scala intercomunale  provinciale.

In tema di tassazione locale, i sindacati sottolineano la necessità di prevedere meccanismi di progressività ed equità fiscale; non condividono l’aggravio sulla prima casa e chiedono altrettanta attenzione sui comodati gratuiti ai parenti di primo grado. Per quanto riguarda la Tari, chiedono di rivedere i criteri per l’elaborazione del tributo, questione già sollevata dal Comune, e apprezzano la disponibilità dell’Amministrazione a valutare insieme riduzioni dell’aumento.

Infine, le rappresentanze sindacali individuano nel welfare il settore prioritario verso cui indirizzare gli investimenti e proprio sul tema dell’innovazione del modello di welfare - in riferimento soprattutto a casa, anziani, disagio sociale, integrazione dei migranti e sicurezza urbana – Comune e sindacati hanno condiviso la necessità di sviluppare un confronto continuo.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bilancio Comunale, i sindacati approvano le scelte

ModenaToday è in caricamento