rotate-mobile
Sabato, 1 Ottobre 2022
Politica Carpi / Traversa San Giorgio

Incidente mortale a Carpi, il sindaco scrive ad Anas per sollecitare un intervento

Alberto Bellelli richiede la realizzazione di quell'attraversamento pedonale già proposto tra via Bassa e v\ia Bersana, lungo la Traversa dove giovedì ha perso la vita Alesandra Arletti

“Vi scrivo per sollecitare nuovamente l’esigenza di adottare provvedimenti per favorire in sicurezza l’attraversamento della strada Traversa San Giorgio di Carpi, che dal 2021 è di vostra competenza. Anche nei giorni scorsi su tale strada è nuovamente avvenuto un drammatico incidente stradale mortale nel quale ha perso la vita una ragazza di 20 anni ed è stato coinvolto un altro ragazzo che attualmente si trova in gravi condizioni. La nostra comunità è profondamente scossa da questa tragedia e chiediamo che si assumano iniziative perché fatti come questi non si ripetano. Come Sindaco, esprimo il mio forte rammarico perché non è stata recepita la richiesta di realizzare l’attraversamento pedonale, che avevamo già richiesto in sede progettuale per consentire dell’apertura del Parco Santa Croce".  

Questo l'esordio della lettera che il sindaco di Carpi Alberto Bellelli ha inviato nelle scorse ore ad Anas, cui spetta per competenza la gestione di Traversa San Giorgio, già teatro di diversi gravi incidenti e di due mortali negli ultimi 3 anni.

Il sindaco prosegue: "La strada Traversa San Giorgio è un’arteria sulla quale transita un numero elevato di veicoli che la percorrono ad alta velocità; il 6% di essi sono veicoli pesanti. L’attraversamento di tale sede stradale da parte di pedoni e ciclisti è necessario come collegamento tra la parte sud della città e la frazione di Santa Croce, sia ai residenti che ai numerosi cittadini che svolgono attività sportive lungo i percorsi natura presenti nelle vicinanze. Queste ultime sono attività molto frequentate ed è presente un unico attraversamento semaforico all’altezza di Via Bollitora, nonostante la strada sia ben lunga". 

Un problema che esiste da anni e che ha visto bocciare per ragioni economiche la realizzazione di un sovrappasso ciclopedonale, ma che non ha finora trovato risposte, nonostante il sindaco ammetta in prima persona "per noi è indispensabile e prioritario mettere in sicurezza l’attraversamento di questa arteria".

La richiesta è definita dal progetto già presentato nei mesi scorsi ad Anas, dalla quale non è mai giunta risposta: "Per questo motivo ribadisco - spiega Bellelli - che è indispensabile procedere alla realizzazione di un impianto semaforico di attraversamento all’altezza di Via Bassa, sincronizzato con l’esistente e opportunamente tarato in termini di fasi semaforiche con i volumi di traffico, anche in relazione agli orari e ai giorni della settimana; e di attuare una riduzione dei limiti di velocità a 50 Km/h (in deroga a quelli vigenti, declassando la strada anche se non attraversa un centro abitato o comunque una zona come la definisce l’art. 3 del CdS). Facendo rientrare il Parco di prossima apertura a Santa Croce, con quelle di un “piccolo centro abitato”. Sono cosciente che queste scelte chiedono l’adozione di provvedimenti da parte vostra in “deroga”, ma è fondamentale far prevalere il principio di sicurezza e di incolumità, principi che ritengo debbano essere messi al primo posto nelle scelte da compiere rispetto al livello di servizio che la classificazione della strada deve offrire. Infine, nel chiedere una collaborazione fattiva in tal senso, sono a ribadire la disponibilità del Comune di Carpi, nel realizzare a proprie spese gli interventi sopra descritti”.

Carpi, l'Associazione famigliari vittime della strada: "Si può davvero aspettare?"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente mortale a Carpi, il sindaco scrive ad Anas per sollecitare un intervento

ModenaToday è in caricamento