rotate-mobile
Politica

Striscioni davanti alle fabbriche contro l'importazione di suini dall'estero

Un blitz notturno dell'Associazione Progetto Nazionale arriva davanti a diversi stabilimenti di lavorazione dell carne e alle Camere di Commercio. Una protesta contro il drammatico crollo dell'allevamento suinicolo nostrano, affossato dall'import

“Ma quale “made in Italy”! Il comparto suinicolo italiano è invaso da carni di provenienza estera. Mentre non si contano più gli arrivi di suini dalla Spagna, dalla Danimarca e dai Paesi dell’Est Europa, la sorte dei nostri allevamenti sprofonda nell’oblio”. Queste le motivazioni alla base del blitz notturno dell'Associazione Progetto Nazionale, volto a sensibilizzare sulla profonda crisi del comparto suinicolo che da anni si è abbattutta soprattutto sull'Emilia.

L'associazione ha esposto una serie di striscioni davanti alle aziende del territorio: Parmacotto s.p.a. di Parma, Levoni s.p.a. di Castellucchio (MN), Montorsi di Vignola, Cremonini di Castelvetro, AIA di Formigine, nonché davanti alle sedi delle camere di commercio di Mantova e Modena.

“In Italia la carne suina straniera, venduta secondo varie tipologie commerciali, rappresenta l’esempio di come il settore suinicolo italiano sia stato completamente abbandonato dalla politica e dai sindacati – si legge in una nota di Progetto Nazionale - Grazie ad una meditata confusione, alla carenza legislativa sull’etichettatura e diffuse campagne pubblicitarie illusorie, la carne straniera viene assimilata alla carne italiana, con buona pace degli allevamenti nostrani che continuano a chiudere. L’importante è nascondere la verità su ciò che è autenticamente italiano e ciò che invece è straniero”.

Progetto Nazionale ritiene dunque che la strada per il sostegno ed il rilancio del comparto passi “anche per la immediata adozione a livello normativo di una etichettatura seria, chiara e completa, in modo tale che chi acquista possa scegliere liberamente e consapevolmente se acquistare un prodotto realmente italiano o uno straniero”. “La qualità e la specificità vanno difese con sostegni normativi seri, non raccontando balle pubblicitarie”, chiosano gli attivisti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Striscioni davanti alle fabbriche contro l'importazione di suini dall'estero

ModenaToday è in caricamento