Giovedì, 29 Luglio 2021
Politica Strada Morane

Vaciglio, il Comune vara il piano degli alloggi. Circa un terzo sarà in affitto a prezzi sociali

Definita la suddivisione dei 544 appartamenti che sorgeranno nella tanta contestata edificazione del comparto Vaciglio/Morane

Saranno vincolati alla locazione per 15 anni i 125 alloggi in housing sociale previsti nel comparto di Vaciglio-Morane a Modena, con esclusione di riscatto anticipato per gli inquilini. E, di questi, la metà sarà destinata a nuclei con disabili, familiari o monogenitoriali con minori, con over 65, giovani coppie (meno di 40 anni), famiglie residenti a Modena o comuni limitrofi sfrattate per cause diverse dalla morosità, in affitto in alloggi inadeguati per la presenza di barriere architettoniche, in affitto nel territorio provinciale, con un reddito Isee familiare inferiore a 25 mila euro all’anno. Altri 12 alloggi saranno invece dati in locazione a canoni concordati ridotti del 20% al Comune, che li gestirà tramite l’Agenzia Casa.

Dei complessivi 544 alloggi che sorgeranno nel comparto Vaciglio-Morane, quindi, 125 saranno di edilizia residenziale sociale in affitto, 113 di edilizia residenziale convenzionata in vendita, 23 di proprietà comunale e 283 di edilizia residenziale a libero mercato.

A definirlo è la delibera illustrata dall’assessora Anna Maria Vandelli nella seduta del Consiglio comunale di oggi, giovedì 19 luglio, per l’approvazione della convenzione relativa alla concessione in diritto di superficie alla Modena Estense spa di due lotti di proprietà comunale nell'ormai celebre comparto al confine sud della città. A favore della delibera si è espressa la maggioranza (Pd e Art.1 – Mdp – Per me Modena, con il consigliere Marco Chincarini che si è avvalso della facoltà del non voto), mentre hanno votato contro il Movimento 5 Stelle, Forza Italia, Lega Nord ed Energie per l’Italia.

Gli interventi di edilizia convenzionata destinata all’affitto saranno i primi ad essere realizzati nel comparto Vaciglio-Morane, indicativamente nel 2020, preceduti dalle opere legate alla viabilità, in particolare le strade di collegamento e le rotatorie di via Liguria, via Vaciglio e via Morane. A seguire il lotto di edilizia convenzionata destinato alla vendita.

Il canone di locazione che verrà applicato sarà il più favorevole tra quello previsto dai canoni concordati e il 3,5% del prezzo massimo di cessione di ciascun alloggio, ulteriormente ridotto del 5 per cento. L’affitto per un bilocale sarà quindi di 385 euro al mese (a fronte di 410 dei patti territoriali e di 435 dell’Osservatorio del mercato immobiliare), quello di un trilocale di 65 metri quadrati di 485 euro (a fronte di 528 dei patti territoriali e di 565 dell’Omi), quello di un trilocale di 75 metri quadrati di 520 euro (a fronte di 550 dei patti territoriali e 650 dell’Omi) e quello di un quadrilocale di 585 (a fronte di 620 dei patti territoriali e di 800 euro dell’Omi). Solo dopo i 15 anni di vincolo alla locazione gli alloggi potranno essere acquistati dagli inquilini con un prezzo massimo di vendita di 1.743 euro al metro quadrato.

Il lotto di edilizia residenziale destinato all’affitto in social housing sarà quello a nord-est del comparto e sarà costituito da cinque palazzine di sei piani fuori terra (cinque più il piano terra) e 25 alloggi ciascuna, realizzate in classe energetica A4, ad esempio con riscaldamento a pavimento, impianto di ventilazione meccanica controllata, serramenti e infissi ad alte prestazioni energetiche e forte isolamento acustico. I 125 alloggi saranno dotati di posto auto coperto, cantina e balcone o loggia, e ogni edificio avrà una sala condominiale, uno stenditoio, un deposito biciclette e ulteriori spazi comuni (Servizi integrativi all’abitare).

Il lotto di edilizia residenziale pubblica in vendita sarà invece quello a sud-est del comparto e sarà costituito da sei palazzine di sei piani fuori terra (cinque più il piano terra) realizzate in classe energetica A4, con riscaldamento a pavimento, serramenti ad alte prestazioni energetiche e un ottimo isolamento acustico, e dotate di aree comuni come stenditoio, deposito bici e sala collettiva.

I 113 alloggi che verranno realizzati, tutti corredati da autorimessa, cantina o soffitta, e balcone o loggia, saranno ceduti a un prezzo massimo di 1.735 euro al metro quadrato. Per una quota variabile tra il 20 e il 40% si tratterà di alloggi piccoli (da 45 a 65 metri quadrati di superficie utile), per una tra il 40 e il 70 per cento di alloggi medi (da 66 a 86 metri quadrati) e per una quota tra il 10 e il 20 per cento di alloggi grandi (da 87 a 105 metri quadrati).

Ad attuare gli interventi di edilizia residenziale convenzionata sarà sempre la società Modena Estense spa, proprietario delle aree del comparto destinate alla realizzazione di alloggi di edilizia libera, cui l’Amministrazione con la delibera concederà in diritto di superficie i due lotti di proprietà comunale al fine dell’intervento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaciglio, il Comune vara il piano degli alloggi. Circa un terzo sarà in affitto a prezzi sociali

ModenaToday è in caricamento