rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Politica

Elezioni locali, la sinistra progressista si riunisce in un Tavolo provinciale

Nasce a Modena il Tavolo provinciale dei Progressisti, Riformisti, Democratici ed Ecologisti che punta a trovare percorsi elettorali comuni già a partire dai prossimi appuntamenti elettorali (a Novi e Bomporto)

Passata la fase acuta della quarta ondata e con uno scenario politico in rapido mutamento, la sinistra modenese riprende il dialogo in vista dei prossimi appuntamenti elettorali. Lo fa dando vita al "Tavolo provinciale dei Progressisti, Riformisti, Democratici ed Ecologisti", che riunisce le forze locali in un'ottica di percorso comune. 

L’iniziativa è promossa da Articolo Uno, Europa Verde, Partito Democratico, Partito Repubblicano Italiano, Partito Socialista Italiano, Possibile e Sinistra Italiana. Restano dunque fuori i partiti della sinistra comunista e alcune formazioni più centriste. L'invitp è stato rivolto anche ad Italia Viva e Azione, che stanno valutando il da farsi. Il progetto al momento non è rivolto alle liste civiche presenti nei territori, ma solo ai partiti nazionali.

"Lo scopo è di costruire un luogo di confronto e dialogo in cui affrontare temi sovracomunali e, nel rispetto della autonomia dei territori, di costruire percorsi metodologici elettorali a partire dalle prossime elezioni amministrative di primavera", spiegano i promotori. Auspicabilmente per arrivare con un fronte compatto ai prossimi appuntamenti alle urne, evitando le divisioni tra coalizione di centrosinistra ed progressisti-ecologisti che si sono avute anche nelle tornate amministrative dello scorso anno.

Il tavolo si è insediato sabato 19 febbraio e vi hanno preso parte i rappresentanti dei sette partiti, ma anche il Movimento 5 Stelle. I pentastellati, dopo gli sviluppi romani dal Conte Bis in poi, sono sempre più organici al centrosinistra, per quanto il loro schieramento elettorale alle prossime amministrative resta un'incognita.

Spiegano i promotori: "Il Tavolo nasce per la necessità, avvertita da tutte le forze promotrici e alla genesi dell’iniziativa, di avere un luogo di confronto e dialogo in cui affrontare temi sovracomunali – quali urbanistica, mobilità, sicurezza idrogeologica, lavoro, infrastrutture e tutela dell’ambiente -  e, nel rispetto della autonomia dei territori, di costruire percorsi metodologici elettorali amministrativi locali, a partire dalle prossime elezioni amministrative di primavera nei Comuni di Castelnuovo Rangone, Novi e Bomporto. Il primo appuntamento del Tavolo sarà, appunto, l’analisi della situazione nei Comuni al voto nella prossima primavera a partire da Novi dove, da subito, lanciamo un appello al sindaco Diacci, e alla Lista civica che lo ha sostenuto,  perché si possa creare un percorso unitario, prima programmatico e poi di individuazione della migliore candidatura possibile per proporre a Novi un progetto/proposta di governo civico e progressista, alternativo alle destre”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni locali, la sinistra progressista si riunisce in un Tavolo provinciale

ModenaToday è in caricamento