rotate-mobile
Politica Mirandola

Terremoto, i contributi al 100% per la ricostruzione sono legge

Soddisfatti i parlamentari modenesi Pd: "Fino ad oggi era previsto un contributo dell'80%, mentre il 20% restava a carico del terremotato, che non sempre era in grado di garantirne la solvibilità"

“Oggi il Parlamento ha compiuto l’ultimo passo, in questa Legislatura, nella giusta direzione per l’eliminazione degli ostacoli ancora presenti nel processo di ricostruzione dei territori colpiti dal sisma del 20 e del 29 maggio. - Lo dichiarano i deputati modenesi del Partito Democratico Manuela Ghizzoni, Ivano Miglioli e Giulio Santagata, dopo l’approvazione in via definitiva del provvedimento che prevede un rimborso fino al 100% delle spese sostenute per il ripristino o la ricostruzione degli immobili nella zona del cratere. – Fino ad oggi era previsto un contributo dell'80%, mentre – spiegano i deputati - il 20% restava a carico del terremotato, che, in una situazione di difficoltà economica, non sempre era in grado di garantirne la solvibilità.

L’importante obiettivo di ottenere contributi pari al 100% delle spese per la ricostruzione è stato ottenuto grazie al lavoro sinergico del commissario Errani, del Partito democratico e del Parlamento, dopo che la Ragioneriadello stato e il Governo avevano già espresso un parere negativo. Abbiamo così dimostrato che, per garantire la ricostruzione e dare certezze alle famiglie e alle imprese, è necessaria la collaborazione delle istituzioni locali e centrali – concludono Ghizzoni, Miglioli e Santagata - anche con una politica di priorità e piccoli passi".

"È un risultato importante”. Così il commissario delegato alla ricostruzione e presidente della Regione Vasco Errani commenta l’approvazione alla Camera dell’emendamento che modifica la legge 122 e porta al 100% il contributo per la ricostruzione delle abitazioni danneggiate dal sisma del maggio scorso. “Sono soddisfatto che il lavoro con il Governo abbia portato ad assicurare il 100% agli immobili a partire dalla prima casa. Lavoreremo in questa direzione anche per le imprese”, aggiunge Errani spiegando: “Per i cittadini l'iter già avviato resta garantito, non si deve ricominciare nulla”. Entro pochi giorni la Regione emanerà un'ordinanza per aggiornare e coordinare i diversi provvedimenti (riguardanti B, C ed E pesanti), per assicurare operatività alla luce del nuovo quadro e accelerare la ricostruzione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto, i contributi al 100% per la ricostruzione sono legge

ModenaToday è in caricamento