rotate-mobile
Politica San Faustino / Via Leopoldo Nobili

Ricostruzione nella Bassa: Sel contraria alla "no tax area"

Il distaccamento modenese di Sinistra Ecologia e Libertà: "L'unico effetto sarebbe l'aumento delle disuguaglianze sociali e l'impossibilità di individuare priorità e obiettivi per il territorio"

“Uniti per ricostruire”. Sinistra Ecologia e Libertà vuole superare le divisioni locali e creare un gruppo di lavoro più ampio che coordini gli interventi per la ricostruzione da un punto di vista unitario: il territorio colpito dal sisma infatti va considerato come un’unica zona e non come una costellazione di tanti paesi separati e divisi, anche per questo per i rappresentanti di Sel bisognerebbe sfruttare al massimo lo strumento amministrativo delle Unioni di Comuni. Per ora fanno parte del gruppo di lavoro amministratori regionali e dei Comuni interessati, oltre a dirigenti e militanti con diversi gradi di responsabilità delle Federazioni di Modena, Ferrara e Reggio Emilia, coordinati da Gianni Ballista del Coordinamento Federale modenese.

Gli interventi più urgenti che il gruppo dovrà coordinare sono quelli di abbattimento degli edifici pericolanti, la riapertura delle scuole, la messa in sicurezza delle abitazioni e delle industrie, tutto secondo i più rigidi criteri di architettura antisismica.

Ma per iniziare, o anche solo per progettare questi lavori, è necessario che il governo inizi a erogare i fondi più volte promessi ai comuni colpiti: a questo riguardo in una nota di Sinistra Ecologia e Libertà a firma di Giovanni Paglia, coordinatore Sel Emilia Romagna, e Giuseppe Morrone, Coordinatore SEL Federazione di Modena, si legge “che la ricostruzione non potrà essere affidata a soluzioni come la ‘no tax area’ ventilata da alcuni, il cui unico effetto sarebbe l’aumento delle disuguaglianze sociali e l’impossibilità di individuare priorità e obiettivi, che dovranno invece essere posti al centro di percorsi democratici e di partecipazione delle comunità. Per questo oggi la nostra prima richiesta, che crediamo e sappiamo condivisa, è che il Governo renda immediatamente disponibili quei fondi che, sia ben chiaro, non sono una possibilità, ma un diritto”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricostruzione nella Bassa: Sel contraria alla "no tax area"

ModenaToday è in caricamento