rotate-mobile
Sabato, 13 Agosto 2022
Politica Corso Cavour, 17

La Regione: "Solo l'8% delle scuole modenesi costruite dopo il 1983"

L'accesso atti del capogruppo M5S in consiglio regionale Andrea Defranceschi: la provincia modenese dispone di scuole vecchie di cui, su un tutale di 271, solamente 22 sono state costruite "probabilmente" con criteri antisismici

Su 271 strutture, sono solamente 22 le scuole nella provincia costruite, con buona probabilità, secondo criteri antisismici. Questa la statistica che emerge emerge dai numeri forniti dalla Regione Emilia-Romagna al capogruppo del Movimento 5 Stelle, Andrea Defranceschi. L'esponente grillino, mediante un accesso atti, ha chiesto un quadro della situazione delle scuole di tutta la Regione: "In merito alle autorizzazioni antisimiche - scrive la Regione - si può genericamente dire che tutto quanto costruito dopo il 1983-84 nei Comuni classificati sismici in tali anni, e tutto quanto costruito dopo il 2005 nei Comuni classificati sismici ex novo in tale anno, può ritenersi a norma". A Modena,  le scuole costruite dal 1983 compreso in poi sono 22 su un totale di 271, cioè poco più dell'8%: dopo il 2005, secondo la tabella fornita dalla Regione, a Modena non è stata costruita nessuna scuola. Quelle di più recente costruzione risalgono al 2001 e al 2000, e si trovano a Palagano e Sassuolo (tre in tutto). Seguono quattro scuole costruite nel 1995 a Carpi, Prignano sulla Secchia e Spilamberto.

INTERVENTI - La Regione ha dichiarato che quanto costruito del 1983 "non risulta ovviamente a norma, fatti salvi gli edifici adeguati mediante interventi specifici". Questo aspetto è stato approfondito dal capogruppo Defranceschi: "La Regione - ha detto il consigliere - ci ha informato di aver investito circa 25 milioni di euro per adeguare poco più di un centinaio di edifici scolastici, e ha concesso alcuni altri milioni per eseguire le verifiche tecniche su centinaia di edifici. Non ci sono stati forniti dalla Regione i riscontri sull'effettiva realizzazione delle opere, e quindi sul denaro realmente speso".

VECCHIAIA - Nella provincia di Modena, soltanto il 20% delle scuole, cioè 54, sono state costruite dopo il 1976. Tutte le altre risalgono ad anni, o secoli precedenti. Sette edifici sono stati costruiti nel diciottesimo secolo o addirittura prima, 11  durante il 1800, sette tra il 1900 e il 1920, 34 fra il 1921 e il 1945, 84 fra il 1946 e il 1960, 64 fra il 1961 e il 1975, 54 dopo il 1976, e infine dieci risultano non classificate.

SAN CARLO - Nel frattempo, i tecnici della Provincia di Modena hanno approfondito stamattina i controlli al Liceo Classico San Carlo in seguito al sisma di ieri: le fessure presenti su un muro in un’aula dell'istituo non sono state provocate dalla scossa di terremoto, ma risultavano preesistenti e non desterebbero alcuna preoccupazione. Dai controlli e sopralluoghi effettuati dei tecnici provinciali sui 32 edifici gestiti dall’ente di viale Martiri, partiti subito dopo la scossa, non sono emersi danni alle strutture. I sopralluoghi hanno interessato in particolare gli istituti Barozzi e Venturi di Modena, Fanti, Vallauri, Meucci e Da Vinci di Carpi (zona più vicina all’epicentro), il Baggi a Sassuolo e il Ferrari a Maranello, mentre per le altre scuole (gli istituti scolatici superiori sono in tutto 32) sono stati contattati i responsabili degli istituti per verificare eventuali problemi. Nel corso della giornata di ieri sono stati effettuati sopralluoghi anche su alcuni ponti storici, soprattutto nelle zone più vicine all’epicentro, ma anche in questo caso non sono emersi problemi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Regione: "Solo l'8% delle scuole modenesi costruite dopo il 1983"

ModenaToday è in caricamento