Castelfranco, scissione nel gruppo della Lega. Due consiglieri se ne vanno

Gianluca Tomesani e Michele Sardone, subentrati a maggio, fondano un nuovo gruppo consigliare dopo la rottura con il Carroccio per questioni di "democrazia interna"

Nuovo scossone per il gruppo della Lega-Salvini Premier in consiglio comunale a Castelfranco Emilia. A maggio erano arrivate le dimissioni dei consiglieri Massimo Zannitto e Andrea Corazza, i quali avevano manifestato con questo gesto la totale rottura nei confronti di Cristina Girotti Zirotti, capogruppo e volto storico della lega in paese. Ora anche i nuovi entrati lasciano il Carroccio.

Gianluca Tomesani e Michele Sardone, subentrati da pochi mesi, confermano le critiche dei loro predecessori alla leadership della capogruppo. Questa volta però non arrivano le dimissioni: i due consiglieri se ne vanno infatti per fondare un nuovo gruppo consigliare, che prende il nome di "Civica per Castelfranco". Nel carroccio restano dunque i soli Cristina Girotti Zirotti ed Enrico Fantuzzi.

"La volontà che ci ha spinto alla creazione di questo nuovo gruppo Consigliare, è innanzitutto quella di prendere le distanze dal precedente gruppo di appartenenza. Non certo, per gli ideali che ci hanno motivato nel candidarci! Ma non possiamo più condividere scelte e atteggiamenti della capogruppo. Che poco hanno la consistenza di una reale Democrazia Interna. Questa decisione è frutto di una scelta sofferta ma dovuta, dalla quale non possiamo esimerci, per il rispetto che abbiamo prima di tutto verso gli elettori che ci hanno dato le loro preferenze ed ovviamente verso tutti i Cittadini della Nostra Città", spiegano Tomesani e Sardone in una nota.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"i preme ribadire, che il nostro atteggiamento di critica e lontananza dal precedente gruppo di appartenenza, non è certo provocato dal salvaguardare presunti interessi personali o dal desiderio di ricoprire questa o quella poltrona! Al contrario la nostra coerenza è molto distante dalla corsa alle poltrone, di cui non ci sfugge di vederne l’ansietà di altri - proseguono i consiglieri motivando la loro scelta - Purtroppo il deteriorarsi dei rapporti politici, della fiducia e della coerenza politica non ci lascia alternative. Noi crediamo di essere persone dotate di forte senso di responsabilità sociale e senso del dovere, ci ritroviamo oggi a fare una scelta del genere, dolorosa ma necessaria per la gente di Castelfranco Emilia e mai Il nostro lavoro sarà svolto in continuità, con quello che fino ad oggi abbiamo svolto all’interno di questo Consiglio Comunale: voteremo con il massimo senso di responsabilità e impegno nel rispetto del mandato ricevuto dal nostro elettorato. Voteremo di volta in volta per il bene del nostro paese, come abbiamo sempre fatto; difatti, in virtù dei recenti avvenimenti politici verificatisi che hanno determinato una mancanza di fiducia nei confronti di questo gruppo politico e sulle sue capacità decisionali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Piano antismog, dal gennaio 2021 blocco per diesel Euro 4 (ed Euro 5)

  • Vento forte, caduti diversi alberi. Danni in tutta la provincia

  • Altri due studenti positivi, classi in isolamento a Modena e Carpi

  • Covid. 14 contagi oggi nel modenese, 6 sono casi non tracciati

  • Ladri sorpresi fuggono e causano un incidente. Uno finisce in manette

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento