Politica

Ferrovie, Severi (Pdl): "Disagi indegni sulla Modena-Sassuolo"

L'assessore all'urbanistica di Sassuolo porta il caso in Provincia: "I disservizi e la mancata informazione non possono diventare disinvolti e cronici. Sul mio tavolo, in due settimane, storie incredibili. Se Fer non è in grado di garantire il servizio lo dica, e intanto cominci a risarcire almeno gli utenti danneggiati che hanno pagato il regolare abbonamento"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ModenaToday

"Quante sono, dall'inizio dell'anno, le corse soppresse della linea ferroviaria Modena - Sassuolo e dei bus sostitutivi? Quali sono le ragioni? Quanti controlli sono stati fatti sul possesso dei biglietti e con quali risultati? Perchè sulla tratta Modena-Sassuolo si registrano problemi invece inesistenti sulla tratta ferroviaria gemella, sempre gestita da Fer, Sassuolo-Reggion Emilia? Fer intende risarcire gli abbonati pendolari che, pur avendo pagato, si sono visti negare ripetutamente il servizio? Perchè è completamente assente ogni forma di comunicazione e informazioni agli utenti rispetto alle eventuali soppressioni o ritardi? Sono alcune domande contenute nell'interrogazione che il Consigliere provinciale del Popolo della Libertà Claudia Severi ha rivolto alla giunta provinciale per conoscere cause, responsabilità, e chiedere soluzioni, in merito ai numerosi disagi e disservizi che gli utenti della linea ferroviaria Modena-Sassuolo hanno dovuto subire negli ultimi due mesi.

"Al di la dei seppur gravi ritardi e delle cancellazioni registrate nei giorni in cui le precipitazioni nevose erano più intense, ci sono ripetuti episodi che non trovano alcuna giustificazione. Treni e bus sostitutivi soppressi senza alcun preavviso e senza alcuna comunicazione, anche quando non c'era allarme gelo e neve. Utenti invitati ad utilizzare bus sostitutivi che non arrivano o che arrivano con ritardi di 40 minuti rispetto ad una tratta di 30. abbiamo ricevuto la segnalazione di uno studente sassolese che alla stazione di Modena ha visto annullare, senza preavviso e spiegazione, in una giornata di sole in cui non vi erano più problemi di neve, la corsa del treno delle 9,35 e la corsa del bus delle 10,35. Così come mi è stata segnalata, da un altro utente, la soppressione senza preavviso e comunicazione, dalla stazione di Sassuolo, nonostante la presenza del personale di biglietteria, del treno delle ore 17,49 e del successivo ritardo di 40 minuti nella partenza del bus sostitutivo delle ore 18,20 sul quale non era presente nemmeno il sistema per la convalida dei biglietti. Purtroppo, con il nuovo anno, i disservizi anzichè essere ridotti, sono aumentati in modo esponenziale, diventando paradossalmente la quotidianità. Altre segnalazioni che mi sono giunte riguardano la mancanza di controlli dei biglietti e degli abbonamenti sui treni, arrivando fino al caso estremo di una ragazza che alla stazione di Modena è salita sul treno per Sassuolo chiedendo di fare il biglietto in carrozza, con il supplemento, e che, alla fine, ha viaggiato gratis perchè nessuno del personale viaggiante glielo ha fatto. Nel mio ruolo Istituzionale ancor prima che come cittadina, non posso rassegnarmi al quotidiano massacro di un servizio pubblico così importante e dalle così grandi potenzialità, soprattutto nell'ottica futura di lanciarlo come metropolitana leggera. L’Assessore regionale Alfredo Peri parla di procedere a multare le ferrovie per i disservizi creati da neve e ghiaccio in tutta la regione, bene, condividendone la filosofia chiediamo con lo stesso spirito che vengano valutati gli indegni disservizi della tratta Modena-Sassuolo e rimborsati i fruitori cominciando con una o più mensilità di abbonamento gratuite. Oggi, nonostante i tanti fondi stanziati negli ultimi anni, sembra che si stia facendo di tutto per disincentivare, aumentando i disservizi, la linea ferroviaria. Se l’obiettivo è dimostrare che questa linea non è economicamente sostenibile perché non ha passeggeri a sufficienza , sono certa che ce la faranno visto che quando l’utente va in stazione non sa ormai più se il treno o i servizi sostitutivi gireranno o meno. Certo è che fino a quando si continueranno a registrare disservizi su disservizi, la disaffezione degli utenti e il loro mancato utilizzo del mezzo, non potrà che aumentare. E questo è un danno per tutti"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferrovie, Severi (Pdl): "Disagi indegni sulla Modena-Sassuolo"

ModenaToday è in caricamento