rotate-mobile
Politica Crocetta / Via Giuseppe Massarenti

Urbanistica, ok al nuovo stabilimento Gls in via del Mercato

Il Consiglio ha dato il via libera al permesso di costruire convenzionato che porterà all’incremento del 50 per cento di personale e alla bonifica dell’area. Prevista una fascia di alberi sul fronte tangenziale e parcheggi pubblici

In via del Mercato - nel quadrante compreso fra via Massarenti e la Tangenziale - sorgerà una struttura produttiva di 4.300 metri quadrati che consentirà l’ampliamento dell’attività dell’azienda di trasporti Gls, attualmente con sede in locali in affitto a Ponte Alto. L’intervento, per un importo di circa 2,5 milioni di euro a carico del privato, permetterà un incremento di personale di circa il 50 per cento e consentirà la bonifica dell’area, la predisposizione di un sistema di illuminazione, la realizzazione di parcheggi pubblici “e l’insediamento dell’attività in un’area delicata”.

Lo ha deciso il Consiglio comunale di Modena nella seduta di giovedì 12 ottobre approvando all’unanimità una delibera sul permesso di costruire convenzionato a favore della società CCFS Immobiliare spa, illustrata dall’assessora all’Urbanistica Anna Maria Vandelli.

“L’area dell’intervento – ha spiegato Vandelli – si trova nell’ambito produttivo specializzato a Modena nord, tra la tangenziale e il comparto interessato dal Progetto Periferie. Insieme alla struttura produttiva, il privato realizzerà una serie di opere di urbanizzazione primaria funzionali all’intervento, a scomputo totale degli oneri di urbanizzazione, che verranno successivamente cedute gratuitamente all’Amministrazione comunale”. L’assessora ha precisato che “per quest’area, lungo la tangenziale, lo strumento urbanistico individua dotazioni ambientali molto forti: oltre a una fascia oggetto di forestazione che verrà ceduta al Comune, è prevista una ulteriore lingua di forestazione in area privata. Il lotto – ha proseguito – ha una capacità edificatoria importante, pari a circa 13 mila metri quadrati di superficie utile grazie alla possibilità di edificare su più piani, ma il progetto utilizza solo un piano e prevede di utilizzare poco più di un terzo della superficie. La mobilità a servizio della struttura è molto semplice, con entrata-uscita oltre alla realizzazione di parcheggi pubblici su via del Mercato. Sarà ceduta all’Amministrazione – ha aggiunto – anche un’altra area su via Finzi dove verrà realizzato il proseguimento della pista ciclabile che porta da Porta Nord fino alla zona produttiva”.

Aprendo il dibattito, Vincenzo Walter Stella di Art.1-Movimento democratico e progressista-Per me Modena, ha approvato l’intervento “che riqualifica un’area degradata e mal frequentata e che si pone a fianco del Bando periferie, e ogni azione in questa area è benvenuta”. Marco Chincarini ha chiesto se “non ci fosse la possibilità di indirizzare i proprietari verso la riqualificazione di un edificio già esistente invece di costruire edifici nuovi su un prato”. Anche per Adolfo Morandi (FI) il progetto “presenta molti aspetti positivi che riguardano il completamento di un’area, creano lavoro e combattono il degrado. Ma allo stesso tempo – ha proseguito – mi domando come mai quell’area sia rimasta in abbandono per così tanto tempo”.

In replica, l’assessora Vandelli ha spiegato che il Comune non ha il diritto e gli strumenti per intervenire su una proprietà privata alla quale è già assegnata una potenzialità edificatoria all’interno di un contesto urbanizzato. “Stiamo comunque studiando come poter intervenire per far incontrare domanda e offerta per le aree produttive. Lo abbiamo fatto – ha sottolineato Vandelli – con un lavoro serio e approfondito che è l’Atlante delle aree produttive, nel quale abbiamo individuato tutte le potenzialità inespresse in termini di lotti privati, poiché di aree Pip non ce ne sono più, e che può essere aggiornato accogliendo le segnalazioni di tutti”.     

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Urbanistica, ok al nuovo stabilimento Gls in via del Mercato

ModenaToday è in caricamento