rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Politica Piazza Grande

Chioschi, il Comune approva una variante per fare chiarezza nei regolamenti

Dopo l'adozione e l'ok di Arpa e Ausl, il Consiglio comunale ha dato il via libera alla variante al Rue, con il voto favorevole della maggioranza e contrario dell'opposizione. Non servirà a sbloccare la situazione, ma a scongiurarne il ripetersi in futuro

É inutile chiudere la stalla quando i buoi sono scappati, recita un detto popolare. E nonostante al Parco delle Rimembranze non vi siano né stalle nè buoi, il proverbio pare abbastanza azzeccato in merito a quanto accaduto ieri in Consiglio Comunale sulla vicenda dei chioschi. L'assemblea cittadina ha infatti approvato, con il solo voto favorevole della maggioranza (Pd e Sel), una variante al Rue che meglio esplicita la possibilità di realizzare nei parchi pubblici manufatti di servizio come chioschi, servizi igienici o spazi di custodia.

Insomma, una mossa istituzionale per fare chiarezza ed evitare che si possa ripetere quanto avvenuto con il sequestro delle strutture che la Magistratura ha ritenuto non conformi alle norme sulla tutela di un parco vincolato come quello dei viali cittadini

La vicenda dei chioschi del parco delle Mura o Rimembranze ha infatti evidenziato che, una lettura limitata all’articolo 13.21 “Ville, giardini e parchi di notevole interesse”, avulsa dal contesto normativo complessivo, può portare a escludere interventi edilizi per realizzare strutture anche in muratura in realtà ammessi. La variante al Rue, quindi, specifica meglio nel dispositivo quali sono le trasformazioni già consentite e in virtù di quali procedure e autorizzazioni, evidenziando la possibilità di integrare le dotazioni, anche edilizie, dei parchi pubblici con la modifica o sostituzione degli edifici esistenti, dai chioschi bar ai bagni pubblici.

Una porta chiusa dopo che i buoi sono scappati e vagano senza meta negli uffici del Tribunale del Riesame. Ma di questo anche l'Amministrazione è consapevole, come ammette l'assessore all'Urbanistica Anna Maria Vandelli: “Con questa Variante al Rue non pensiamo di risolvere il problema dei chioschi al Parco delle Rimembranze, ma tale vicenda ha evidenziato la necessità di esplicitare nel Regolamento urbanistico edilizio quanto già previsto dal Piano operativo comunale (Poc) in merito alla possibilità di realizzare nei parchi pubblici manufatti di servizio necessari alla pubblica sicurezza e alla migliore fruizione da parte della collettività. La questione chioschi è altra cosa e ci stiamo lavorando”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chioschi, il Comune approva una variante per fare chiarezza nei regolamenti

ModenaToday è in caricamento