Variazione del bilancio comunale, Modena punta sul rinnovamento delle attrezzature informatiche

E' stato modificato il bilancio 2015 del Comune, che prevede nuove attrezzature informatiche, la barriera antirumore in via Capitani e opere di manutenzione. Ecco i principali finanziamenti previsti dalla modifica

Barriere antirumore in via Capitani, diversi interventi di manutenzione e uno svecchiamento del patrimonio informatico, sono alcuni dei principali investimenti che verranno finanziati con la variazione al bilancio di previsione armonizzato del Comune di Modena presentata in Consiglio comunale oggi. La manovra che sarà votata in Consiglio preve 1,8 milioni in più per investimenti, tra cui l'importante sostengo alle locazioni.

INVESTIMENTI E PROGETTI. La variazione, illustrata dall’assessora al Bilancio Ludovica Carla Ferrari, prevede un milione e 820 mila euro di maggiori risorse per investimenti, in conto capitale, finanziati con circa un milione e mezzo di entrate vincolate (per esempio, 500 mila euro di contributo sempre da Rfi per le barriere antirumore), mentre i 225 mila euro che sono destinati al patrimonio informatico sono il frutto di una parte di maggiori entrate di parte corrente che viene destinata agli investimenti.

RAZIONALIZZAZIONE NEL SETTORE DEL PERSONALE E ACQUISTO MATERIE INFORMATICHE. “La quota di risorse di parte corrente che spostiamo sugli investimenti – ha spiegato l’assessora Ferrari – è frutto in particolare di alcune razionalizzazioni nel settore del personale, nell’acquisto di materiale informatico e di altre economie nell’acquisto di beni e servizi”. Infatti, per la parte corrente, infatti, la variazione prevede maggiori entrate per oltre un milione e 600 mila euro e spese per un milione e 384 mila euro. In particolare, si tratta dei contributi della Regione Emilia-Romagna per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione (865 mila euro), i contributi dello Stato per lo sviluppo di progetti relativi a minori stranieri non accompagnati (319 mila euro), e per il programma dedicato ai richiedenti asilo (149 mila euro), contributi dell’Inps per il progetto “Home care premium” (70 mila euro), dell’Ipab Storchi per la convenzione nidi (50 mila euro), della Provincia per il programma immigrazione (29 mila euro), della Regione per la lotta alla zanzara tigre (25 mila euro).

FINANZIAMENTO POST-SISMA. Con questo provvedimento il Consiglio ratifica anche la variazione di bilancio approvata in giunta a fine luglio per consentire l’avvio dell’intervento di consolidamento della copertura del Palazzo dei Musei con il finanziamento dei contributi post sisma da parte della Regione Emilia Romagna. Il costo complessivo è di un milione e 390 mila euro (250 mila dei quali finanziati dal Comune) e l’intervento, che prevede anche il ripristino e il consolidamento di alcune pareti interne, il consolidamento del portico e l’incatenamento di alcuni locali della Biblioteca Estense, si aggiunge a quelli già realizzati negli anni scorsi che hanno consentito la riapertura di tutti gli istituti culturali presenti nel palazzo e in particolare della Galleria Estense e della Biblioteca Estense. L’apertura del nuovo cantiere è prevista per le prime settimane del 2016.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

ACCANTONAMENTI. Tra gli storni di spesa, il Comune accantona quasi 11 mila euro in applicazione delle norme cautelative relative al Bilancio consolidato che prevedono, appunto, un accantonamento, in misura proporzionale alla partecipazione, di una somma pari al 25 per cento del risultato negativo conseguito nell’esercizio precedente dalle società partecipate dal Comune la cui perdita non sia stata immediatamente ripianata. L’accantonamento è di 9.133 euro in relazione a Modena Fiere che nel 2014 ha avuto un risultato negativo per 250 mila euro (la media dei tre anni precedenti è però positiva, con un più 51 mila euro). Un’altra quota di  1.150 euro dell’accantonamento è attribuita a Promo (48 mila euro il risultato negativo del 2014), mentre 622 euro sono relativi all’Asp Charitas che nel 2014 ha avuto un risultato d’esercizio negativo per 5.800 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Contagi, 81 nel modenese. Due decessi e due ingressi in Terapia Intensiva

  • Scuole, contagi in altre 21 classi. Cinque finiscono in isolamento

  • A Modena 100 nuovi contagi. Decedute due anziane in città

  • Contagio, 79 casi nel modenese. Deceduti un 86enne e un 77enne

  • Neonatologia, sette operatori e un neonato positivi nel reparto del Policlinico

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento