menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bonaccini in visita a Nonantola: "Un dovere essere qui"

Il presidente della Regione con il sottosegretario Baruffi e l'assessore Priolo incontrano la sindaca Nannetti, la Giunta comunale e le associazioni economiche

È di questa mattina la visita del presidente della Regione, Stefano Bonaccini, a Nonantola, comune del modenese tra i più colpiti dall'esondazione del Panaro dello scorso 6 dicembre che ha causato danni ingenti anche a Castelfranco Emilia, Modena e Campogalliano.

Prima l'incontro con la sindaca Federica Nannetti e l'intera giunta comunale, poi il confronto con le associazioni di categoria per definire modalità e tempistiche dei ristori già stanziati nei giorni scorsi.

Con il presidente, il sottosegretario alla Presidenza, Davide Baruffi, l'assessore regionale alla Protezione Civile, Irene Priolo, e la direttrice dell'Agenzia Regionale per la Sicurezza del territorio e la Protezione Civile, Rita Nicolini.

"Un dovere essere qui, vicino alle popolazioni colpite così duramente da questa disastrosa alluvione- afferma Bonaccini- Torneremo anche nei prossimi giorni, così come verranno i singoli assessori a incontrare nuovamente l’amministrazione comunale e i settori che hanno subito danni. I cittadini sappiano che la Regione è al loro fianco, perché vengano ripristinati i servizi essenziali al più presto e ristorate le attività economiche così duramente penalizzate".

Dai comuni del Distretto ceramico 10.000 euro per Nonantola e Castelfranco

Alluvione, dalla Camera di Commercio 600mila euro alle imprese colpite

Alluvione, approvata la Commissione d'inchiesta per la rottura dell'argine

Gli assessori regionali torneranno infatti nel modenese anche nei prossimi giorni per nuovi incontri con l'amministrazione e le rappresentanze dei settori economici, mentre nelle prossime settimane, forse già entro la fine dell'anno, è attesa la visita ai paesi colpiti del ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia

La visita di oggi è stata l'occasione non solo per portare di persona la solidarietà del presidente e dell'intera giunta regionale ai territori colpiti, ma anche per fare il punto sui danni provocati dall'alluvione e sui provvedimenti presi in questi giorni per un ritorno il prima possibile a una vita normale.

Già il 7 dicembre, il giorno successivo all’alluvione, il presidente Bonaccini aveva formalizzato al Governo la richiesta dello stato di emergenza nazionale e la Giunta stanziato 2 milioni di euro destinati alle attività commerciali già colpite dal Covid. Fondi che vanno ad aggiungersi ai 600mila euro stanziati dalla Camera di Commercio di Modena e ai 21 milioni di quota ristori nazionale, dedicata alle attività commerciali che hanno subito provvedimenti di restrizione e chiusura dovuti al coronavirus.

Intanto, proseguono a pieno ritmo i lavori di ripristino dei servizi essenziali a Nonantola. In particolare, l'attenzione è concentrata sugli istituti scolastici, in modo che possano riaprire regolarmente a gennaio, secondo le indicazioni che saranno fornite dal Governo.

Inoltre, è stato deciso di potenziare la struttura amministrativa del Comune per semplificare e velocizzare la procedura di raccolta, controllo ed elaborazione delle schede di richieste di rimborso danni.

Il presidente Bonaccini e i rappresentanti della Giunta hanno poi fatto il punto con le associazioni economiche: presenti i rappresentanti di Confcommercio, Una, Confesercenti, Confindustria e Lapam. Prosegue infatti il confronto sulla modalità di erogazione dei fondi a sostegno delle attività colpite, con una particolare attenzione a quelle di piccole e medie dimensioni, che soffrono dell'assenza di coperture assicurative per un evento di tale portata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Contagio, oggi 379 casi e 7 decessi in provincia di Modena

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento