rotate-mobile
Politica

Consiglio comunale, approvato il Bilancio 2022. Un milione per il covid

Approvati anche tre emendamenti, tra cui quello per i ristori covid e il caro-bollette. A farla da padrona negli investimenti è il Pnrr

Il Bilancio previsionale 2022-24 del Comune di Modena  è stato votato nella seduta di giovedì 3 marzo, al termine di un dibattito cominciato alle 9.50 e che si è protratto fino alle 16.15 circa, preceduto, mercoledì 2 marzo, da una seduta dedicata alle presentazioni degli emendamenti, delle delibere accessorie e di 22 ordini del giorno. La manovra è passata con il voto favorevole dei gruppi di maggioranza (Pd, Sinistra per Modena, Europa verde-Verdi, Modena civica) e quello contrario di Movimento 5 stelle, Lega Modena, Forza Italia, Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia, Modena sociale.

Il Bilancio previsionale del Comune di Modena è stato approvato insieme agli emendamenti tecnici proposti dal sindaco: uno di parte corrente, che prevede di destinare circa un milione e 300 mila euro alla manovra Covid e che recepisce i trasferimenti statali per l’adeguamento delle indennità degli amministratori; uno in conto capitale per adeguare il bilancio ad alcune modifiche del piano investimenti e recepire i finanziamenti Pnrr per la riqualificazione dell’edilizia residenziale e il rinnovo dei bus del trasporto pubblico locale. Entrambi gli emendamenti hanno ottenuto il voto a favore dei gruppi di maggioranza (Pd, Sinistra per Modena, Europa verde-Verdi, Modena civica); contrari M5s, Lega Modena, Forza Italia, Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia, Modena sociale.

Approvato anche l’emendamento presentato dai gruppi di maggioranza che propone di destinare 150 mila euro per far fronte all’aumento delle bollette delle famiglie più disagiate, con un trasferimento di risorse da altre attività del settore Sociale (a favore i gruppi di maggioranza. Astenuti M5s, Lega Modena, Forza Italia, Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia, Modena sociale).

Respinti, invece, i due emendamenti proposti da Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia che proponevano di aumentare di 24 mila euro le risorse per ampliare la videosorveglianza per far fronte al fenomeno delle cosiddette baby gang, riducendo i fondi per le politiche giovanili (a favore anche Lega Modena e Forza Italia; astenuta Modena sociale; contrari i gruppi di maggioranza e Movimento 5 stelle), e l’impiego di 22 mila euro in interventi per il diritto alla casa riducendo le risorse destinate alle Pari opportunità (a favore anche M5s, Lega Modena, Forza Italia, Modena sociale; contrari i gruppi di maggioranza). Il Movimento 5 Stelel ha presentato poi ritirato un emendamento, mentre le altre forze politiche non hanno presentato alcuna loro proposta.

La manovra finanziaria 2022-2024, punta decisamente sul Pnrr, proponendo investimenti in grado di creare occupazione, oltre a garantire un’adeguata manutenzione del patrimonio pubblico, proseguendo anche gli interventi di riqualificazione e rigenerazione della città. Gli obiettivi della manovra finanziaria, inoltre, sono quelli di consolidare i servizi che rappresentano un sistema efficace di protezione sociale per persone e famiglie (con un welfare integrato che comprende, tra gli altri, scuola, sociale, cultura, pari opportunità, sport) e nello stesso tempo rilanciare il sostegno al lavoro e allo sviluppo economico, con il blocco di tasse e tariffe, la conferma del piano occupazionale e un’ulteriore spinta per la digitalizzazione e semplificazione della pubblica amministrazione.

Le risorse per far fronte alla pandemia

È di circa un milione e 300 mila euro la manovra Covid che entra a far parte del bilancio preventivo del Comune di Modena con uno dei due emendamenti tecnici presentati dal sindaco Gian Carlo Muzzarelli. L’obiettivo è una compensazione di minori entrate in parte corrente per 518 mila euro e maggiori spese per 923 mila euro a causa dell’emergenza sanitaria, con l’utilizzo delle risorse del Fondo funzioni fondamentali.

In particolari, si prevedono 150 mila euro in più per interventi in campo sociale a favore delle famiglie, contributi per oltre 350 mila euro per il mondo dello sport (sostegni per l’attività dei minori, aiuti per polisportive e piscine), contributi al mondo dello spettacolo per compensare la diminuzione del pubblico, con 120 mila euro al Teatro comunale, 150 mila a Ert, 20 mila al Circuito cinema. Assegnati anche 12 mila euro per la biblioteca Teodora all’interno del reparto pediatrico dell’ospedale. Previste inoltre spese per oltre 100 mila euro per l’acquisto di dispositivi di protezione individuali e interventi di sanificazione di spezi pubblici.

Aumentano i compensi della Giunta

Sempre in parte corrente, l’emendamento tecnico recepisce i previsti trasferimenti dallo Stato per 217 mila euro nel 2022 a copertura delle maggiori spese per l’adeguamento delle indennità degli amministratori previsto dalla Legge di bilancio che il Comune applica con gradualità: nel 2022 l’indennità del sindaco passa da 5.466 euro al mese (cifra lorda per 12 mensilità) a 7.974 euro, per gli assessori da 3.279 a 7.784. Nel 2023 la legge prevede il secondo scatto (sindaco a 9.256 euro mensili, assessori 5.553) e nel 2024 l’ulteriore aumento: sindaco a 11.040, assessori a 6.624 euro mensili, sempre cifra lorda per 12 mensilità. I maggiori trasferimenti dallo Stato previsti sono sdi 329 mila euro nel 2023 e di quasi 484 mila euro nel 2024.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consiglio comunale, approvato il Bilancio 2022. Un milione per il covid

ModenaToday è in caricamento