Francesca Riggillo

Opinioni

Francesca Riggillo

Collaboratore ModenaToday

Le 5 poesie in dialetto modenese che dipingono una Modena d'altri tempi

Lo splendore della Chiesa dei Piazza Pomposa, giocare con figurine e biglie di vetro, il "frittellaio" Gigi: i ricordi di una Modena antica nelle poesie di cittadini e personaggi modenesi

Una Modena ottocentesca, fors’anche più antica, è descritta nelle parole, rigorosamente in dialetto, di poeti, commercianti o semplici cittadini modenesi: personaggi come il “frittellaio” Gigi, giochi di figurine e biglie, tradizioni ed edifici della Modena d’un tempo rivivono nei ricordi e tra le pagine di preziose poesie:

Cos cini e vecii d’Modna

Di Antonio Berselli (Castelnuovo Rangone)

Chi l’à vésta an pòl scurdèr,
la nostra Modna de ‘ssant’ an fa.
Là in fànd a Canèl Cèr
dove finiven tòtti el cà,
propria atach al Seminari
a gh’èra ‘na scalteina
e lè da bas a tott i urari
a trèva ‘na funtaneina.
A man stanca dàpp la mura,
lè in ‘na basa, i lavador
che al dànn cun vera cura
per pagn sporch er‘n al lavor.
Un tunnel lòngh sàta la mura,
al susur d’aqua d’un canèl,
e tott cal scur feva paura
cun la schèrsa lus d’un fanèl.
Un binari a Porta Castèl,
un àm cun ‘na bandiera in man
propria lè in mèz al Piazèl
d’nanz al treno pr’an fer di dan.
Cun la Màssa dal campanein
i dazier vriven i rastèe,
Urtlan... e làter col baruzein
avanti svelt, ma tòtt a pèe.
Là in Piaza in d’un balein
mounten banch e umbarloun,
banch ed pan, ài e rigadein;
tòtt quest sàta al campanoun.

(Cose piccole e vecchie di Modena)

Chi l’ha vista non può scordare, / la nostra Modena di sessant’anni fa. / Là in fondo a Canalchiaro / dove finivano tutte le case, / proprio vicino al seminario / c’era una scaletta / e là in basso a tutte le ore / versava acqua una fontanina. / A sinistra dopo il muro, / là in una discesa, i lavatoi / dove le donne con grande premura / erano al lavoro per i panni sporchi. / Un tunnel lungo sotto il muro / il sussurro dell’acqua d’un canale, / e tutto quel buio faceva paura / con la scarsa luce di un fanale. / Un binario a Porta Castello, / un uomo con una bandiera in mano / proprio là in mezzo al Piazzale / davanti al treno per non fare dei danni. / Con la messa del “campanino” / i dazieri aprivano i cancelli, / ortolani... e lattai col biroccio / avanti svelti, ma tutti a piedi. / Là in Piazza in un baleno, / montano banchi e ombrelloni, / banchi di pane, agli e rigatini; / tutto questo sotto al campanone.

Giggi al bolentaio

Di Emilio Colombini (Modena, 1897-1985)

In dal Castler, ed fianch a Urlandein
(chal fotograf egh g’ha tanta rinomanza)
gh’era (a-i mè teimp) un pustarein
duve, cun poch, as psiva impir la panza.
Al padroun ed chal for’n ed castagnaz,
castagn coti, torta ed ceci e gnoch
l’era “Giggi” un bel tip ed toscanaz
chal vindiva i “bolenti” pr’un baioch.
Cum i eren boun! Fragrant, gustos
Spalmè d’oli d’uliva in dal sò stamp
rotand, gross un dida, apetitos
s’in s’rev sbafè ‘na corga in un lamp.
Tott stèva (alora) ad aver’gh i “piè
che la mofa, in saca, in gh’feven ed sicur,
ques tòtt i amigh eren cume me
pin d’aptit, sè, ma boletari dur.
Però ogni tant, cun un vintein
as caveven la voia d’un po’ ed tòtt:
l’era ‘na sbarachèda, un ver festein
cun un bel bicier d’aqua...p’r’al sangiòtt!
Am vin fat ed pensèr a-i ragaz d’ades
chi gh’an tòtt quall chi vol’n, a volontà
epur i storzen tanti volt al nes
perchè zerchen seimp’r un quel... piò prelibè.

(Gigi il frittellaio)

In via Castellano, di fainco a Orlandini / (quel fotografo che ha tanta rinomanza) / c’era, ai miei tempi, un posticino / dove con poco ci si poteva riempire la pancia. / Il padrone di quel forno di castagnaccio, / castagne cotte, torta di ceci e “gnocco” / era Gigi, un bel tipo di toscananaccio, / che vendeva le frittelle per un soldo (cinque centesimi). / Come erano buone! Fragranti, gustose / spalmate di olio di oliva nel loro stampo / rotondo, grosso un dito, appetitose, / se ne sarebbe mangiata una quantità enorme in un lampo. / Tutto consisteva allora nell’avere i soldi / che in tasca non avrebbero certo fatto la muffa, / quasi tutti gli amici erano come me / pieni d’appetito, ma bollettari cronici. / Però ogni tanto con un ventino (quattro soldi) / ci cavavamo la voglia di un po’ di tutto: / era una bisboccia, un vero festino, / con un bel bicchiere d’acqua... per il singhiozzo! / Mi viene da pensare ai ragazzi di oggi / che hanno tutto quello che vogliono, a volontà / eppure storcono il naso / perchè cercano sempre qualcosa di più... prelibato.

La cesa ed la Pumposa

Di Sergio Abbati (Modena, 1924-1994)

Tant’an fa ter qualcosa ed rer
chera Pumposa tota da guarder
ter ignuda talmeint bein
ch’sembrev un bumbunzein
la geint la gniva a masa e al rosari
a ghera i fedel a tot i urari
spes as sentiva al son dal campan
i anuncieven la mort d’un cristian
da l’usdel et sant’Agustein zò dal vulton
i gniven a ricever l’ultma benedizion
vedret ades et fe tanta nostalgia
al to interen al fa malinconia
Muratori cun la testa pigheda
al sambra c’al faga una zigheda
Santa Rita le steda spuieda
i vot la so roba in duela andeda?
Al 22 et Maz a ghera na gran funzion
la cesa adubeda e tanta illuminazion
i lampadari i eren be e tot impiè
ades i en sparì ma duveni andè?
Povra cesa mia a m’arcord i teimp
quant t’er pina ed tant credeint
t’en fag la fin et San Roc a te asvein
che i gan cavè fora un magazein
al Cumun la mes a nov la funtaneina
ma nessun al ta guardè povra cesuleina
i gheren in tant tot in dal giardein
a bàver e magner di pastizein.

(La chiesa della Pomposa)

Tanti anni addietro eri qualcosa di raro / cara Pomposa tutta da guardare / eri tenuta talmente bene / che sembravi un piccolo dolce / la gente veniva a messa e al rosario / c’erano i fedeli a tutti gli orari / spesso si sentiva il suono delle campane / che annunciavano la morte di un cristiano / dall’ospedale di Sant’Agostino giù dal Voltone / venivano a ricevere l’ultima benedizione / vederti adesso fai tanta nostalgia / il tuo interno fa malinconia / Muratori con la testa piegata / sembra si metta a piangere / Santa Rita tutta spogliata / i voti la sua roba dov’è andata? / il 22 Maggio c’era una grande funzione /  la chiesa addobbata e tanto illuminata / i lampadari erano belli e tutti accesi / sono spariti ma dove sono andati? / povera chiesa mia mi ricordo i tempi / quando eri piena di tanti credenti / che non faccia la fine di San Rocco a te vicino / che ci hanno tirato fuori un magazzino / il Comune ha messo a nuovo la fontanina / ma nessuno ti ha guardato povera chiesolina / erano in tanti tutti nel giardino / a bere e mangiare dei pasticcini.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Le 5 poesie in dialetto modenese che dipingono una Modena d'altri tempi

ModenaToday è in caricamento