Halloween | Semplici idee di decorazioni 'fai da te' per una festa spaventosa

La festa più spettrale più amata dai bambini è alle porte, ecco allora alcune semplici e creative idee per confezionare addobbi horror fai da te

Halloween si avvicina e con esso i preparativi per rendere spaventosamente terribile ogni angolo della casa. Un modo economico e creativo per creare addobbi in stile horror c'è, ecco quindi alcune semplici idee per decorazioni fai da te che vi permetteranno di creare una vera e propria atmosfera spettrale e di evitare di comperare costosi addobbi di plastica. Vediamo!

Zucca di Halloween intagliata

E’ la decorazione di Halloween per autonomasia, immancabile nelle abitazioni delle famiglie statunitensi che ad Ottobreo si recano puntualmente nei patch o nelle farm a scegliere le zucche arancioni più belle. Intagliarle può sembrare complicato ma non lo è eccesivamente, come unica accortezza però occorre porre molta attenzione nell'utilizzare gli strumenti taglienti  per inciderle e decorarle. Cominciamo step by step:

  • Appoggiate la zucca su una superficie piana e con un coltello con lama abbastanza grossa incidete con taglio continuo la parte superiore andando a formare un cerchio con il gambo in centro. Il pezzo rimosso formerà una sorta di cappello della zucca quindi non eliminatelo
  • Svuotate la zucca: rimuovete con attenzione tutti i semi e i filamenti interni della polpa fino a che non risulti completamente vuota
  • Incidete gli occhi, il naso e la bocca. Per creare gli occhi potete asportare con un coltello o cutter due triangoli dalla parte laterale della zucca di dimensione più o meno grandi a piacimento, per il naso un triangolino più piccolo sotto gli occhi mentre per la bocca si possono creare forme diverse, dalle linee più definite e geometriche più semplici da realizzare o provando a intagliare linee curve con piccoli denti triangolari.

La zucca è quasi pronta! L’ultimo tocco consiste nell’illuminarla con una lugubre candela posizionata su un piattino di ceramica posto dentro la zucca e coprendo l’apertura superiore con il cappello-gambo che avete rimosso nel primo passaggio.

Cuscinetti imbottiti a forma di fantasma

Per creare simpatici o spaventosi fantasmini morbidi non occorre essere maghi del cucito, si possono infatti realizzare con della stoffa od un semplice straccio bianco e colla a caldo ( o ago e filo per chi sa usarli). Ecco il procedimento:

  •  Prendere un pezzo di stoffa di medie dimensioni (ad esempio 40x20 cm), disegnate nel centro una semplice sagoma di fantasma (potete disegnarla come una sorta di campana) di modo che piegando a metà la stoffa il disegno sia speculare. Ritagliate così la sagoma del fantasma
  •  Una volta ottenuto il fantasma di stoffa è necessario unire i bordi con la colla a caldo o con ago e filo. Cospargete un filo di colla  lungo il perimetro di metà sagoma con l’accortezza di lasciare un pezzettino di bordo senza colla (che formerà un’apertura dove andrete a inserire l’imbottitura). Piegate la sagoma del fantasma a metà, fate combaciare i bordi, pressate bene e lasciate una piccola apertura
  •  Da questa apertura potete riempire il vostro cuscinetto fantasma: prendete del cotone e imbottite quanto volete. Una volta riempito sigillate l'aperturacon la colla o con ago e filo.
  • Con un pennarello indelebile o con il colore a tempera nero disegnate due ovali neri come occhi e, più in basso, un ovale un poco più grande come bocca

Et voilà! Un cuscinetto fantasma è stato creato e potete utilizzarlo come decoro su divani, poltrone ma anche mensole, credenze, tavoli o scaffali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

Torna su
ModenaToday è in caricamento