menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maserati in pista con le donne, la storia d'audacia di Maria Teresa De Filippis

“Ero troppo coraggiosa o incosciente, o spericolata; comunque mi vogliate definire mi piaceva andare sempre al massimo”

Maria Teresa de Filippis è stata la prima donna ad essersi qualificata ad un gran premio di Formula 1, lo ha fatto a bordo di una Maserati 250F. La sua è una storia di passione e di audacia ricordata e raccontata da Maserati in occasione dell’8 marzo.

Maria Teresa de Filippis nasce a Napoli nel 1926 e decide di entrare nel mondo delle gare automobilistiche quasi per sfida. Nel 1948, infatti, corre la sua prima vera gara: ha solo 22 anni e conquista il gradino più alto del podio alla 10 km Salerno-Cava de’ Tirreni, nella classe 500 della categoria Turismo, polverizzando i colleghi uomini. Quella primissima vittoria aumenta la sua passione per le corse e nell’anno successivo vince svariate competizioni nella categoria 750.

Nel biennio 1953-1954 conduce la sua Osca 1100 alla vittoria nella 12 Ore di Pescara, nel Trullo d’Oro, nella Catania-Etna e nei circuiti di Caserta e Siracusa.

Il 1955 è l’anno del passaggio a Maserati 2000 A6GCS. Maria Teresa de Filippis in proposito ricordava: “La vettura con la quale mi sentivo di poter fare qualsiasi cosa… E la facevo”. E aggiungeva: “Povera macchina! Quanti incidenti spettacolari, ma anche quante vittorie.” Una su tutte: la splendida vittoria assoluta nella Catania-Etna in cui stabilisce il record assoluto che rimarrà imbattuto per tre anni. Alla fine del campionato del 1955 sarà seconda nella categoria 2000.

Nel 1958 al volante di una Maserati 250F privata esordisce nel GP di Siracusa e in seguito debutta nel campionato di Formula 1 in Belgio. La storia delle corse registra un buon numero di donne pilota, ma Maria Teresa de Filippis detiene il primato unico ed ineguagliabile di essere stata la prima donna a correre in Formula 1.

Capace di emergere in un ambiente che fino ad allora era stato considerato esclusivamente maschile, si è guadagnata sul campo il rispetto e la stima dei propri avversari e ha portato in pista i valori che, ancora oggi, guidano Maserati: eccellenza, eleganza e potenza.

Maserati e Maria Teresa de Filippis rappresentano un binomio vincente. Una storia di tenacia, coraggio e audacia. La capacità di affrontare le sfide tecniche, fisiche e personali e di trasformarle in opportunità da cogliere, guardando con determinazione al futuro.

A cinque anni dalla sua scomparsa, la forza e l’importanza delle gesta di Maria Teresa de Filippis continuano a definire i valori della Casa del Tridente e ad ispirare anche tutte le donne che oggi lavorano in Maserati. Un video speciale, in uscita sui canali social in occasione dell’8 marzo, le unisce e le celebra.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ufficiale, l'Emilia-Romagna torna in zona arancione da lunedì

Attualità

Zona arancione, cosa cambia da lunedì 12 aprile a Modena

Attualità

Focolaio covid all'Ospedale di Sassuolo, positivi 15 pazienti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Appartamento in fiamme a Finale Emilia, due persone in ospedale

  • Cronaca

    Violenza domestica, 26enne di Pavullo finisce in carcere

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento