Il 2021 negli astri | L'anno nuovo spiegato dall'astrologa Elisabeth Mantovani

Cosa ci dice il firmamento per l'anno a venire. Intervista all'astrologa e storica dell'arte Elisabeth Mantovani

A differenza degli oroscopi segno per segno risalenti e maggiormente diffusi alla fine del 1800 con la diffusione della stampa a caratteri mobili,  l’astrologia è una scienza dalla storia millenaria, diffusa sin dall’antichità in tutti luoghi della Terra, il cui sapere è stato tramandato, studiato e modificato a contatto con i popoli, le culture e le filosofie che con essa si sono intrecciate, da 3000 anni a questa parte.

Il movimento dei pianeti, la loro posizione, le comete, le eclissi, ogni fenomeno astronomico ha raccontato nel tempo il desiderio dell’uomo di comprendere attraverso di essi gli eventi terreni, l’universo e di unirsi ad esso. Esempi lampanti sono  le congiunzioni di Giove e di Saturno, utilizzate per secoli dai popoli orientali e mediorientali per scandire il tempo attraverso ere astrologiche che marcano cambiamenti nella storia e nell’umanità.

La congiunzione dei pianeti Giove e Saturno nel segno dell’Acquario è stata considerata per secoli portatrice di austerità, di afflizioni per l’umanità e addirittura portatrice della peste. Una congiunzione di Giove e Saturno in Acquario si verificò infatti nel marzo del 1345, hanno della grande peste descritta da Boccaccio, e fu al centro delle cronache dell’epoca in cui si considerava questo evento causa stessa  dell’epidemia.

Anche il 2020 è stato ricco di eventi eccezionali tra i quali una triplice congiunzione di Marte, Giove e Saturno a marzo, evento che si verifica ogni 805 anni circa, e la media congiunzione di Giove e Saturno in Acquario che ha raggiunto la distanza minima lo scorso 21 dicembre. Si tratta dunque dello stesso aspetto che aveva allarmato i cronisti del Trecento e che viene considerato dalla tradizione astrologica portatore di grandi cambiamenti per l’umanità e addirittura di cambi di potere nella politica mondiale.

Nel corso del 2020 inoltre sono occorse due eclissi durante i cambi stagionali: eventi che sono considerati molto negativi dalla tradizione astrologica in quanto bloccherebbero i flussi di vitalità portati dai due luminari, il Sole e la Luna.

Negli ultimi tre anni si sono susseguiti cieli davvero eccezionali che hanno indicato l’approssimarsi di un importante cambiamento per la Terra e per l’umanità.

Nel 2021 la quadratura tra Saturno e Urano nel segno Toro sarà indice, per tutto l’anno e fino al 2022, di possibili eventi impattanti a livello ambientale: negli ultimi anni abbiamo sperimentato la presenza di Urano nel Toro attraverso l’accelerazione dei disastri ambientali e dei fenomeni metereologici estremi che si sono susseguiti con un ritmo incalzante mai registrato prima. La quadratura con Saturno renderà questo aspetto ancora può arduo.

L’anno 2021 sarà inoltre caratterizzato dalla forte evoluzione della tecnologia e dell’informatica a volte utilizzate in modo poco etico. Un altro aspetto rilevante potrebbe riguardare l’avanzamento della ricerca spaziale: l’uomo, dopo aver esautorato il pianeta Terra, inizierà a pensare o addirittura inizierà ad attingere alle risorse dello spazio.

Anche il progressivo predominio della comunicazione virtuale potrà essere un aspetto predominante nel 2021 e con questo rischieremo di essere risucchiati dalla virtualità e dalla finzione e a far fatica a distinguere questa dalla realtà.

Nel 2021 diventerà perciò fondamentale sapere rimanere saldamente connessi e collegati alla realtà ed elaborare un pensiero maggiormente improntato all’etica, all’ecologia e alla sostenibilità sia nella vita quotidiana che nella ricerca scientifica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra "ribelle" GimFIVE di Modena Est riapre oggi. Arriva la polizia

  • #IoApro, si allarga anche a Modena la protesta dei commercianti per riaprire tutto il 15 gennaio

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • Coronavirus, percentuale di positivi in crescita. A Modena altro picco

  • Tavoli pieni e cena regolare nei ristoranti aperti ieri sera contro il Dpcm

  • Coronavirus, oggi dati in netto calo in Emilia-Romagna. A Modena 203 casi

Torna su
ModenaToday è in caricamento