rotate-mobile
social Pavullo nel Frignano

La storia del Giamberlano, dal "paesino" di montagna alle tavole di tutta Italia

Le sue golose e rinomate creazioni sono richieste in tutta Italia e all'estero: la storia di Valter Tagliazucchi raccontata in un progetto di Eolo e What Italy is

Padre di pluripremiate creazioni golose come la "Torta Montecuccoli" e i panettoni "Spaziale" e "Sandrone", maestro del lievito madre tra i più importanti in Italia, Valter Tagliazucchi è il proprietario della celebre Pasticceria Giamberlano di Pavullo nel Frignano. 

Il pasticciere di Verica è stato intervistato da Eolo e What Italy Is con l'intento di raccontare e promuovere storie di vita e territorio in luoghi d'Italia che si trovano fuori dalle aree urbanizzate.

Il progetto, dal titolo "Paesini", ha fatto tappa anche sull'Appennino modenese, a Pavullo, paese nel quale dal 1984 Valter Tagliazucchi, insieme alla moglie Patrizia, aprì i battenti della Pasticceria Giamberlano, oggi rinomata e famosa in Italia e all'estero.

Si legge dal racconto: "Da questa enorme passione è nato Giamberlano, un luogo che racchiude il suo passato, il suo presente e il suo futuro. Creato a sua immagine e somiglianza e in cui i suoi clienti sono accolti e coccolati sin da subito. La sua casa, a Verica, proprio sotto il Castello del Semese, a pochi chilometri dal laboratorio. Verica è un paese di emigranti, in tanti sono andati via nel secolo scorso. Lui invece ha deciso di rimanere qui, insieme ai suoi figli e ai suoi nipoti. Dal punto di vista operativo, ci racconta che la logistica in un piccolo paese può essere complessa ma, potersi sentire a casa, poter considerare il luogo che lo circonda come proprio, lo ripaga di ogni fatica. All’inizio, per Valter, la rete era un argomento spinoso e proprio per questo si è fatto aiutare da sua figlia Stella per comprenderne e capirne le potenzialità. Grazie ad internet, oggi può raggiungere chiunque e far assaporare a migliaia di persone ogni anno panettoni e colombe, con un click o un tap, le distanze vengono azzerate"

Prima di salutarlo, chiediamo a Valter cosa è per lui l’Italia: “L’Italia e la mia regione l’Emilia Romagna, sono una meraviglia per il mondo intero. Abbiamo tanti difetti noi italiani ma, possiamo senza ombra di dubbio essere orgogliosi di quello che facciamo, essere italiano è molto più che essere un cittadino: è vivere e contribuire alla vita del paese più bello del mondo.”

Trovate maggiori informazioni sul progetto qui.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La storia del Giamberlano, dal "paesino" di montagna alle tavole di tutta Italia

ModenaToday è in caricamento