rotate-mobile
social

Quali prodotti non puoi non assaggiare se visiti l'Appennino modenese

L'Appennino modenese è un territorio ricco di sapori e tradizioni gastronomiche uniche

BORLENGHI. Borlengo o burlengo che si voglia, ha un nome che evidentemente deriva dalla parola "burla", cioè lo scherzo e a riguardo sono nate diverse teorie. Infatti, per alcuni l'alimento veniva mangiato a carnevale e quindi prendeva il nome di "cibo per burla", per altri la burla risiedeva nel fatto che il borlengo è una pietanza voluminosa, anche se in realtà è leggero e sottilissimo. La leggenda più interessante però riguarda un'anonima massaia, che nel preparare con acqua e farina il tradizionale impasto per le crescentine da cuocere nelle tigelle, scoprì di aver allungato eccessivamente con l'acqua, e per evitare di buttarlo via, provò a ricavarne ugualmente qualcosa di commestibile. Il risultato lo si può apprezzare ancora oggi nelle case e nei ristoranti del nostro Appennino.

MIRTILLI DI SESTOLA.  Il prodotto tipico di Sestola è sicuramente il mirtillo, tanto che è oggi la capitale del Mirtillo. Quello presente a Sestola è in particolare il Vaccinium Myrtillus, ovvero una pianta bassa, detta strisciante, che raramente nella zona dell'Appennino supera i 30 cm di altezza dal terreno. Questo frutto ha la parte esterna di colore nero-bluastro mentre la polpa è rosso-bluastro. Si tratta di frutti dal diametro di 6-8 mm e che sono spesso utilizzati in cucina. Una delle torte tradizionali del nostro Appennino è la crostata, nelle varianti con il mirtillo o con le amarene. Inoltre all'origine le crescentine dolci venivano mangiate non con creme spalmabili, bensì con i frutti più dolci, tra cui il mirtillo, sia sottoforma di marmellata che naturali.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quali prodotti non puoi non assaggiare se visiti l'Appennino modenese

ModenaToday è in caricamento