Lunedì, 21 Giugno 2021
social

Quali prodotti non puoi non mangiare se visiti la Terra dei Castelli

Un viaggio tra i sapori della Terra dei Castelli, famosa per le ciliegie, l'aceto balsamico tradizionale, il Lambrusco Grasparossa, il nocino e ovviamente lo zampone

Lambrusco Grasparossa (Castelvetro)

E' il risultato delle coltivazioni nei territori di castelvetro e dei paesi limitrofi. In autunno si distingue perché non sono solo le foglie a virare assumendo i colori rossi accesi tipici della stagione, ma anche il raspo e i pedicelli (il sostegno al grappolo). Si tratta di un vitigno generalmente poco produttivo, ma frugale ed in grado di adattarsi anche ai terreni più poveri. I grappoli sono formati da acini liberi e radi detti spargoli, di colore blu scuro quasi nerastro, con una buccia consistente e polpa succosa, anche se lievemente acidula. La tipologia spumante ha colore rosso rubino intenso con riflessi violacei e si distingue per la sua spuma vivace, mentre quello frizzante segue il precedente che per l'appunto non supera il titolo alcolometrico volumico totale minimo di 10,5°. 

Zampone (Castelnuovo Rangone)

Ingredienti: 1 Zampone Modena IGP, 500 g di lenticchie, 50 g di pancetta tritata fine, 200 dl di brodo vegetale, 1 cipolla, 2 gambi di sedano, 2 cucchiai di olio d’oliva e sale.

Procedimento. Mentre cuocete lo zampone, fate lessare le lenticchie in acqua con sendano e mezza cipolla. Una volta cotte, fatele scolare togliendo il sedano e la cipolla, intanto fate rosolare in una padella mezza cipolla tritata con pancetta. E' ora di aggiungere le lenticchie, bagnatele con 2 mestoli di brodo vegetale e fatele bollire a fuoco basso. Tagliate lo zampone a fette e versate le lenticchie ancora calde sul piatto di protata, quindi disponete le fette di zampone.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quali prodotti non puoi non mangiare se visiti la Terra dei Castelli

ModenaToday è in caricamento