menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Food for Soul, Bottura apre nuovi refettori solidali a New York e San Francisco

Food for Soul, l’organizzazione non profit fondata da Chef Massimo Bottura e Lara Gilmore, annuncia il lancio del primo progetto dei Refettori statunitensi che apriranno ufficialmente nel 2021 ad Harlem, New York e San Francisco in California

“Stiamo costruendo i nostri nuovi Refettori ma non possiamo attendere, soprattutto in un momento in cui le comunità hanno bisogno di tutti noi” - sono le parole dello chef Massimo Bottura, cofondatore insieme a Lara Gilmore di Food for Soul, in occasione dell’apertura di due nuovi refettori al servizio delle comunità più fragili di Harlem (New York) e San Francisco, California.

A discapito della difficile situazione sanitaria che ha duramente messo in ginocchio il continente americano l’organizzazione non profit si è precipitosamente attivata per fornire alle fragilità dei quartieri più poveri un servizio che va oltre ad un piatto sano e nutriente; Food for Soul ha creato uno spazio di inclusione sociale, un’occasione di rivalsa, di formazione culinaria e di opportunità lavorative nei settori alimentare e dell’ospitalità in un momento di così precarie certezze.

I Refettori inizieranno per la prima volta ad agire concretamente a partire da questa settimana, in occasione del Thanksgiving Day, grazie alla preziosa collaborazione di partner locali quali Youth Action Youth Build e Hot Bread Kitchen ad Harlem e Farming Hope a San Francisco.

E sono proprio i partner la colonna portante di questa realtà: Food for Soul non vuole essere un progetto rappresentato dalla quantità di pasti serviti o di alimenti recuperati, rappresenta piuttosto la necessità di condividere compassione, inclusione e bellezza insieme ad ogni pasto. Vuole essere un gesto per cominciare a ringraziare le organizzazioni locali, grazie alle quali tante persone hanno trovato un aiuto anche durante questo difficile momento di pandemia.

Refettorio ad Harlem, New York

Refettorio Harlem sorgerà all’interno di una chiesa centenaria che in passato venne utilizzata anche come dispensa alimentare.  Grazie al supporto dei partner operativi Youth Action Youth Build e del collettivo di chef di Hot Bread Kitchen saranno preparati 600 pasti alla settimana di estrema versatilità (come cucina giamaicana vegetariano, cucina Boricua Geechee, cibo mediterraneo e classici del sud) supportando i partner al servizio della comunità del Refettorio Harlem. Inoltre Per rispettare le normative anti-covid non sarà ancora possibile accedere fisicamente ai Refettori ma sarà attivata e mobilitata una delivery task force atta a distribuire i pasti all’interno delle abitazioni delle singole famiglie.

Bottura pluristellato, nuova stella verde Michelin per l'impegno alla sostenibilità

Refettorio a San Francisco

Con oltre 1 residente su 4 costretto ad affrontare insicurezza alimentare a San Francisco a causa dell'impatto del COVID 19 Food for Soul, in collaborazione con Farming Hope, garantirà un porto sicuro per coloro in difficoltà fornendo 1500 pasti a settimana oltre a opportunità formative e lavorative.

"Il Refettorio di San Francisco sarà la casa di Farming Hope per la formazione professionale e i Pasti per la comunità", ha affermato Jamie Stark, Direttore esecutivo di Farming Hope. "Abbiamo tutti bisogno di sentirci necessari. La collaborazione con Food For Soul, soprattutto in questo periodo dell’anno, significa per noi poter nutrire più persone e assumere più apprendisti a lungo termine".

Dalla West alla East-coast le braccia umili di Massimo Bottura, Lara Gilmore e di tutte le persone che quotidianamente si dimostrano parte attiva  delle organizzazioni locali dimostrano ancora una volta che la cooperazione internazionale è possibile anche e soprattutto in momenti di forte instabilità sociale, politica e sanitaria, e che, più di tutto, cucinare è un atto di amore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento