La Modena nascosta | La statua che sopravvisse ai bombardamenti del 1944

La statua di Perseo, abbastanza nascosta alla vista in via Scudari, ha una storia del tutto particolare

Nascosta agli occhi dei più nel cortile posteriore del Palazzo Comunale di via Scudari troneggia nel suo bianco splendente la statua di un Perseo trionfante. Essa ha una storia del tutto singolare: fu costruita dallo scultore romano Marco Aureli nell’Ottocento, fu sommersa dalle macerie di Palazzo Campori (dove era collocata in precedenza) durante il bombardamento del 22 Giugno del 1944 uscendone illesa e la testa di Medusa che Perseo regge nella mano sinistra fu utilizzata per una campagna pubblicitaria di Versace nel 2018.

Statua marmorea del Perseo

La statua ottocentesca di marmo bianco raffigura il semidio Perseo mentre regge per i capelli di serpe la testa appena recisa della Gorgone Medusa, la terribile dea capace di tramutare in pietra chiunque osasse rivolgerle lo sguardo.

 Il Perseo viene raffigurato in piedi, in posizione trionfante. E' Vestito di soli sandali, di un elmo alato di Ade ed un mantello avvolto intorno al collo e riverso sul braccio. La mano destra contiene la spada falcata mentre nella sinistra alza trionfante al cielo la testa del mostro. Il volto, di profilo, mostra lineamenti morbidi, una bocca serrata ed uno sguardo fiero rivolto al mostro ormai inerme.

Modena sotto le bombe: 22 Giugno 1944

A poco più di un mese dalla seconda offensiva aerea su Modena le formazioni delle fortezze volanti fecero tremare la città il 22 Giugno 1944 con un micidiale carico di bombe. La zona Nord-Ovest fu la più colpita: le Ferrovie dello Stato, lo Stadio comunale, le scuole Campori, la Manifattura Tabacchi, dalla zona Sacca a San Cataldo le bombe provocarono distruzione e, fortunatamente, pochi morti, poichè la città era stata prontamente evacuata. Anche il Palazzo Campori di via Ganaceto crollò e le macerie si riversarono sulla statua del Perseo fino a sommergerla. Fortunatamente ne uscì illeso presentando solamente qualche scheggiatura nelle ali dell’elmo e nella spada, prontamente restaurate. Quasi dieci anni dopo fu spostata e posizionata nel cortile del Palazzo Comunale dove risiede attualmente.

Medusa e Versace

Versace, una delle case di moda più famose al mondo, decise nel 2018 di inserire la testa della Gorgone Medusa scolpita nel complesso modenese di Perseo all’interno di una campagna pubblicitaria della linea accessori primavera-estate. Il dettaglio della testa di Medusa è strettamente correlato al marchio Versace ecco perchè la nota casa di moda si rivolse al Comune di Modena per acquistarne temporaneamente i diritti.

La foto della campagna pubblicitaria di Versace

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Coronavirus, 2.533 nuovi positivi in regione. A Modena un nuovo picco

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Coronavirus, si conferma il calo in regione. Ma anche oggi 50 decessi

  • Coronavirus, curva in flessione per la prima volta. Modena ancora al vertice

  • Contagio a Modena, 573 nuovi casi e 7 decessi. Ricoveri stabili

Torna su
ModenaToday è in caricamento