rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
ModenaToday

ModenaToday

Redazione

Quando il mondo della musica si mobilitò per l'Emilia

Due furono i maxi concerti di beneficenza organizzati: il Concerto per l'Emilia, svoltosi il 25 Giugno 2012 allo Stadio Renato Dall'Ara di Bologna per volere dei Nomadi, e Italia loves Emilia, ideato da Luciano Ligabue il 22 Settembre dello stesso anno e svoltosi al Campovolo di Reggio Emilia. L'incasso superò il milione e fu devoluto per la ricostruzione post sisma

Il 20 Maggio 2012 - esattamente 10 anni fa - è una data, per gli emiliani, impossibile da dimenticare. 

Erano le 4 del mattino e la maggiorparte della popolazione d'Emilia riposava nelle proprie case. C'era poi chi lavorava, chi era in servizio durante il turno notturno. Fornai, operai, personale sanitario. La notte del sabato rincasava insieme ai giovani per lasciare spazio al giorno nascente, domenica 20 Maggio. Ma qui, in questo passaggio aurale tra la notte e il giorno, alle 4:03, la terra tremò. Tra Modena, Reggio Emilia, Bologna e Ferrara una scossa di magnitudo 5.9 sconquassò il territorio della Bassa emiliana, Medolla, San Felice sul Panaro, Mirandola e Sant'Agostino furono i Comuni maggiormente colpiti. Abitazioni, edifici e monumenti storici, capannoni industriali, scuole e ospedali furono gravemente danneggiati, rasi al suolo - in alcuni casi - ridotti in macerie nel giro di pochi secondi.

Nove giorni dopo, quando la caratteristica "operosità emiliana" si era già attivata per recuperare e salvaguardare il salvabile, il terremoto tornò a colpire. La storia la conosciamo purtroppo tutti. Il bilancio fu ingente: 28 vittime, più di 500 feriti, migliaia di sfollati e interi Comuni da ricostruire. Non c'è persona, in Emilia, la cui vita non fu segnata dal terremoto del 2012, dallo sciame sismico che sconvolse un paese ancora provato dal terremoto de L'Aquila. In tanti si mobilitarono per aiutare la popolazione d'Emilia, gli sfollati, la Regione, i singoli Comuni colpiti. Tra questi, anche cantanti, cantautori, musicisti ed artisti italiani, emiliani e non, organizzando due maxi concerti di beneficenza: il Concerto per l'Emilia, svoltosi il 25 Giugno 2012 allo Stadio Renato Dall'Ara di Bologna, organizzato dai Nomadi, e Italia loves Emilia, ideato da Luciano Ligabue il 22 Settembre dello stesso anno e svoltosi al Campovolo di Reggio Emilia.

Il Concerto per l'Emilia: 17 artisti emiliani 'infiammano' lo stadio Dall'Ara davanti a 37mila persone 

17 artisti sul palco, più di 1 milione di euro raccolti, 36.572 biglietti venduti e 5.713.000 telespettatori connessi dalle proprie case - questi i numeri del Concerto per l'Emilia, l'iniziativa benefica voluta ed organizzata dal gruppo dei Nomadi. Il 25 Giugno 2012, infatti, a poco più di un mese da quel tremendo 20 Maggio, una fiumana di persone provenienti da tutta Italia si raduna e riempie lo Stadio Renato Dall'Ara di Bologna per celebrare la vita, la rinascita di un popolo che "barcolla ma non molla". Presentato da Fabrizio Frizzi e trasmesso in diretta su Rai 1, il concerto benefico ha visto esibirsi davanti a più di 35mila spettatori paganti 17 tra gli artisti emiliani più noti del panorama musicale italiano.

Ad aprire le danze è Zucchero con Il suono della domenica e Per colpa di chi. Seguono poi Francesco Guccini sulle note de Il vecchio e il bambino e Per fare un uomo insieme a Caterina Caselli. La celebre cantante sassolese, più volte concorrente del Festival di San Remo, continua con Insieme a te non ci sto più per poi lasciare il palco a Luciano Ligabue. Seguono Raffaella Carrà con Rumore, Rick Astley con Never Gonna Give You Up/Hold Me in Your Arms e finalmente si esibiscono gli organizzatori dell'evento, i Nomadi, con le celebri Io voglio vivere e Io vagabondo.

E ancora, Alessandro Bergonzoni, gli Stadio, Gianni Morandi e Nek, oggi presente alle celebrazioni di ricordo delle vittime del sisma a Medolla dove canterà l'Inno di Mameli alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Si esibiscono poi Alberto Tomba & Giuliano Razzoli, Samuele Bersani, Vasco Errani e Beppe Carletti, Paolo Belli, Luca Carboni, Cesare Cremonini, Laura Pausini, Andrea Mingardi, Andrea Griminelli, Matt Herskowitz & Beppe Carletti, gli immancabili Modena City Ramblers & Cisco sulle note di Viva la vida! e I cento passi e, infine, concludono i Nomadi con Dio è morto.

L'incasso netto del concerto, pari a 1.189.896,18 euro, è stato devoluto all'Azienda Sanitaria Locale di Modena per la ricostruzione degli ospedali Ramazzini di Carpi e Santa Maria Bianca di Mirandola.

Italia loves Emilia: al Campovolo di Reggio Emilia si scrive la storia della musica e della beneficenza

Si sa, la solidarietà è contagiosa e le tragedie, oltre a macerie, distruzione e morte, hanno la misteriosa capacità di generare un sentimento di vicinanza collettiva che tende ad amplificarsi e a propagarsi proprio alla pari di un sisma, un sentimento che conduce all'azione, alla solidarietà. E dopo il concerto del 25 Giugno, l'ondata di solidarietà offerta dal mondo della musica e dal suo pubblico sembra non essere ancora scemata, tanto che questa volta è Luciano Ligabue a cantare "presente" alla gara di solidarietà creatasi spontaneamente per l'Emilia e i suoi abitanti. Tre mesi dopo il primo concerto di beneficenza, il cantautore di Correggio riapre le danze e sceglie il Campovolo di Reggio Emilia come luogo designato. La data? 22 Settembre 201.

Per l'occasione, gli artisti sono 13 e si esibiscono dinanzi ad un pubblico presente di 154.121 persone e ad uno telematico ancora più vasto, grazie al network radiofonico appositamente creato Radio Loves Emilia e al partner televisivo Sky.

Ecco la scaletta delle esibizioni:

  • Zucchero Fornaciari - Un soffio caldo, Baila , Chocabeck
  • Zucchero Fornaciari, Elisa, Fiorella Mannoia e Jeff Beck - Madre dolcissima
  • Nomadi - Ancora ci sei, Io voglio vivere
  • Nomadi & Claudio Baglioni - Io vagabondo (che non sono altro)
  • Giorgia - Il mio giorno migliore, Di sole e d'azzurro
  • Giorgia & Jovanotti - Tu mi porti su
  • Tiziano Ferro - La differenza tra me e te, Indietro, Sere nere
  • Fiorella Mannoia - Io non ho paura, Quello che le donne non dicono
  • Fiorella Mannoia & Jovanotti - Clandestino
  • Fiorella Mannoia & Giuliano Sangiorgi - Anna e Marco
  • Renato Zero - Cercami, Resisti, I migliori anni della nostra vita
  • Negramaro - Mentre tutto scorre
  • Negramaro, Elisa & Jovanotti - Via le mani dagli occhi
  • Negramaro - Nuvole e lenzuola
  • Elisa & Giuliano Sangiorgi - Ti vorrei sollevare
  • Elisa - Labyrinth
  • Elisa & Luciano Ligabue - Gli ostacoli del cuore
  • Claudio Baglioni - Strada facendo, La vita è adesso
  • Claudio Baglioni & Giuliano Sangiorgi - Via
  • Litfiba - Barcollo, Gioconda
  • Litfiba & Luciano Ligabue - Tex
  • Litfiba, Luciano Ligabue, Fiorella Mannoia, Jovanotti & Claudio Baglioni - Il mio nome è mai più
  • Biagio Antonacci - Non vivo più senza te, Se è vero che ci sei, Liberatemi
  • Jovanotti - La notte dei desideri, Il più grande spettacolo dopo il Big Bang
  • Jovanotti & Renato Zero - Amico
  • Luciano Ligabue - Marlon Brando è sempre lui
  • Luciano Ligabue & Zucchero Fornaciari - Non è tempo per noi
  • Luciano Ligabue - Il meglio deve ancora venire
  • Tutti gli artisti - A muso duro

Si parla di

Quando il mondo della musica si mobilitò per l'Emilia

ModenaToday è in caricamento