rotate-mobile
Sabato, 13 Agosto 2022
De bello padano

De Bello Padano, giorno 9: doppia fatwa emessa dal governo modenese

Provvedimento emesso nei confronti di chi sostituirà le edizioni Panini nella realizzazione dell'album di figurine dei calciatori. Condanna a carico anche di Romano Prodi: "Le sue parole irrispettose verso i modenesi"

"Un atto scellerato, un gesto sconsiderato che non può essere tollerato per nulla al mondo". Con queste parole rilasciate ai microfoni della radio di stato, il Governo Modenese ha riferito di avere emesso una fatwa nei confronti di chi prenderà il posto delle gloriose Edizioni Panini nella realizzazione dell'album di figurine dei Calciatori per l'attuale stagione calcistica. "Il capitale non può soppiantare la tradizione - ha spiegato un portavoce del Municipio - Invitiamo la popolazione modenese a unirsi per protestare contro questa grave iniquità. Abbiamo seri elementi per sospettare che dietro tutta questa operazione ci sia un complotto ordito da qualche finanziere reggiano: abbiamo dato mandato agli investigatori di Modena Parcheggi di avviare le indagini del caso".

Ad essere colpito da un provvedimento di condanna emesso dalle autorità teocratiche geminiane è stato anche un noto reggiano, Romano Prodi, professorone della ka$ta. Intervenuto nel capoluogo della colonia per un incontro con la decadente aristocrazia locale, Prodi ha espresso contrarietà per l'attuale ipotesi di accorpamento delle province nella nostra regione: "Tutto mi sarei aspettato tranne una scelta come quella effettuata in questi giorni - ha detto sorseggiando un imbevibile lambrusco reggiano - si tratta di una decisione quantomeno bizzarra. Se andrà avanti così vorrà dire che nel palazzo della prefettura di Reggio, ndr) tornerà a dormirci un notabile di Modena, come avveniva una volta". Forse Prodi è stato male informato, ma da diversi giorni il Palazzo della prefettura è stato occupato dalla guarnigione Equipe 84 posta a tutela dell'incolumità del vice-re, massima autorità di governo delle colonie: "Evidentemente il professorone vive su un altro pianeta - ha riscontrato un funzionario di piazza Grande - da tempo la Prefettura ospita i nostri boiardi incaricati di gestire gli affari coloniali". Secondo piazza Grande, l'attuale progetti di accorpamento è il migliore possibile: "Per Modena s'intende - ha chiosato il funzionario municipale - In ogni caso, le parole di Prodi rappresentano uno smacco per tutte le genti modenesi: dovrà stare attento perché noi che siamo nati sotto la benedizione della Ghirlandina, siamo soliti mangiare la mortadella dentro le tigelle (oppure crescentine, come dicono le tribù della montagna)".
 

 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Bello Padano, giorno 9: doppia fatwa emessa dal governo modenese

ModenaToday è in caricamento