rotate-mobile
Earth Day Italia

73mila euro per riqualificare il territorio

Non c'è tempo da perdere, fino al 16 dicembre le aziende delle aree protette del nostro Appennino possono fare domanda per un fondo messo a disposizione grazie a un'iniziativa pilota di cooperazione interterritoriale

È stato pubblicato dal Gal Soprip (l'Agenzia di sviluppo locale di riferimento delle province di Piacenza e Parma) il bando per l'attuazione del progetto “Soft-Economy nelle Aree Protette dell'Appennino Emiliano - Sostegno alla qualificazione delle aziende turistiche e agro-alimentari”.

Il progetto di cooperazione interterritoriale è promosso dal GAL Antico Frignano e Appennino reggiano in partenariato con il GAL Soprip e GAL Appennino Bolognese e si rivolge alle imprese agricole e turistiche che operano nei territori, destinatari delle misure di sviluppo rurale previste dell’Asse Leader, in cui vi è presenza di Parchi o Aree Protette. Il progetto è infatti svolto in collaborazione con il Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano e gli Enti di gestione dei Parchi e della Biodiversità Emilia Occidentale, Emilia Centrale ed Emilia Orientale e riguarda anche, in alcuni casi, le imprese che operano in Comuni sul cui territorio vi sono zone SIC e ZPS. Obiettivo del progetto è valorizzare i prodotti ed i servizi che maggiormente portano in sé i valori ambientali e naturalistici delle Aree Protette d’Appennino.

“Siamo di fronte – ha spiegato l'assessore provinciale al Turismo di Piacenza, Maurizio Parma- ad un progetto pilota: in futuro lo sviluppo dei territori non potrà che passare sempre di più attraverso solide unioni territoriali. Adesso il banco di prova è l'Expo 2015”.
Il budget a disposizione ammonta a circa 73 mila euro (la somma potrà però aumentare). I termini per la presentazione delle domande d'aiuto (che si sono aperti venerdì 15 novembre 2013) scadranno lunedì 16 dicembre 2013. Possono beneficiare degli aiuti previsti le microimprese (tutti i requisiti sono reperibili nel testo del bando consultabile all'indirizzo www.galsoprip.it). L'aiuto sarà concesso in forma di contributo in Conto Capitale nella percentuale del 40% delle spese ammesse e nel rispetto delle norme fissate per gli “aiuti de minimis”. La spesa minima ammissibile a contributo è fissata in 5mila euro, la massima in 50mila euro.

Il progetto intende selezionare e mettere in rete le imprese che hanno instaurato un rapporto stretto e sinergico con il territorio di origine, sottolineandone il pregio da un punto di vista naturalistico e ambientale come elemento distintivo e qualificante dei propri prodotti e servizi. Le imprese coinvolte verranno accompagnate in attività di qualificazione e promozione, mirate a presentarsi a nuovi mercati e target, soprattutto quello dei Gruppi di Acquisto, all’interno di un unico paniere di prodotti e servizi, sperimentando forme di collaborazione, networking e marketing.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

73mila euro per riqualificare il territorio

ModenaToday è in caricamento