rotate-mobile
Sport Carpi

Castori riabbraccia Carpi, controrivoluzione biancorossa

Castori dirige l’allenamento delle 15 e a salutarlo ci sono quasi trecento persone. Foto, cori, due ali di tifosi ad acclamarlo prima e dopo l’allenamento. E’ tornato pure il sorriso ai soliti pensionati che stazionano h24 dalle parti del Cabassi...

La rivincita di Castori, l’uscita di scena di Sannino, la sconfitta di Sogliano. Ritorna a prendere in mano la situazione l’ad Bonacini che dovrà completare la controrivoluzione tecnica solo con l’annuncio del nuovo direttore sportivo.  Bonato? Romairone? Vedremo. Per ora, di news scoppiettanti, di “botti”, ce n’è già abbastanza. Il resto sono solo voci. L’”aiuto” esterno dell’ex Giuntoli, il ritorno di Gabriel a gennaio…

Un martedì pazzesco a Carpi, con il ritorno d Fabrizio Castori, a cinque settimane dall’esonero post sconfitta a Roma. Sannino chiude l’esperienza in biancorosso con la vittoria sul Torino, tre sconfitte di fila (Atalanta, Bologna e Frosinone) e lo 0-0 contro il Verona.  In serata anche la “risoluzione consensuale” del rapporto col ds Sean Sogliano (così recita la nota ufficiale della società) e presumibilmente anche di quella dei suoi collaboratori che lo hanno seguito in questa fallimentare esperienza.

La faccia del patron Bonacini – zoomato da tutte le tv, solo e sconsolato al termine dello scialbo pari di domenica – era tutto un programma. Dopo un lunedì di “cattivi pensieri”, ecco la decisione che ridà nuova linfa al Carpi in vista del derby di Reggio Emilia contro il Sassuolo.  Solo due note, distanti qualche ora l’una dall’altra, e poi nulla. Il club tace, anche perché non è più tempo di parlare, ma solo di fare punti.

Castori dirige l’allenamento delle 15 e a salutarlo ci sono quasi trecento persone. Foto, cori, due ali di tifosi ad acclamarlo prima e dopo l’allenamento. E’ tornato pure il sorriso ai soliti pensionati che stazionano h24 dalle parti del Cabassi. Tutto improvvisamente resettato, Sannino chi era costui? Castori, portaci in Europa…cose così. Una scossa c’è stata, ma naturalmente per guarire questo Carpi ci vorrà anche qualche gol in più e qualche distrazione in meno. Tuttavia la faccia di Castori, era tutto un programma. Felice come una Pasqua, conoscendolo sarà caricatissimo e il gruppo ne trarrà giovamento.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castori riabbraccia Carpi, controrivoluzione biancorossa

ModenaToday è in caricamento