Martedì, 28 Settembre 2021
Sport

Biancorossi. E' il primo giorno di scuola per il Carpi

Radun del Carpi alla vigilia del ritiro che precede la stagione dei 110 anni di vita, tanti volti nuovi, e squadra ancora incompleta, Mbakogu non convocato in attesa di cessione

Carpi, è il primo giorno di scuola della stagione 18/19, quella che finirà col compleanno numero 110 della sua lunga storia. Come al solito, pochissime parole, zero proclami e tanta voglia di darci dentro e di ricominciare a sudare ed  a preparare la nuova stagione, la quinta in serie B della società di via Abetone, terza consecutiva. Col raduno del “Cabassi” di oggi, vecchi e nuovi biancorossi subito alle prese con test medici ed atletici. Qualche giorno in città, un saluto ai tifosi, poi domenica 15 e fino al 27 la truppa si sposta in ritiro in Appennino (a Fanano).  Quasi un ritorno “a casa”, a sette anni dal ritiro di Montese (2011) e dopo un variegato peregrinar in Trentino o nelle Marche (Urbino, 2014). Già fissate alcune amichevoli: domenica 22 a Trento contro il Napoli (ore 21), venerdì 27 (ore 17) contro la Fermana (serie C), più un paio di allenamenti congiunti con selezioni dilettantistiche locali.

I volti nuovi: il tecnico Chezzi (non ancora presentato ufficialmente, una vita a Castelfranco, l’anno scorso a Savona, in D), Stefanelli (nuovo dg che studia da ds, ex Vis Pesaro), Benedetti (segretario, ex Pontedera). L’ultimo arrivo (Piu, attaccante in prestito dall’Empoli), si aggiunge ai vari  Petrucci (esterno, dalla Fermana), Frascatore (difensore, Sudtirol), Piscitella (attaccante, ex Prato), Barnofski (Hallescher, Germania), Van der Heijden (olandese, dall’Almere Ciry), Vano (attaccante dall’Arzachena).  In arrivo (forse) Tutino e Machach dal Napoli. “Una bella banda di ragazzini” – così l’ha definita il l’ad Bonacini, per il decimo anno a capo di questo club che nel 2009 era in serie D.  In uscita Mbakogu (non ancora sfumata la pista Leeds) e Blanchard, rientrato dal prestito all’Alessandria, una delle poche operazioni sbagliate di questi anni della società biancorossa. Ha parlato il neo direttore generale Stefanelli (ex Vis Pesaro):

“La Serie B per una realtà come Carpi è una cosa importantissima, visto quello che sta succedendo in altre città. Tutti dobbiamo mettere il massimo per compattare società, squadra e città. Senza unione di intenti e condivisione non si va da nessuna parte. Parlare del gioco è riduttivo, l’importante è trasmettere valori come la voglia, il sacrificio e l’amore per la maglia. È questo che vogliamo trasmettere ai nostri tifosi. Il mercato? Abbiamo chiuso alcune operazioni e altre sono in cantiere. La situazione di Mbakogu speriamo che si risolva in qualche giorno. La sua assenza nel raduno è una decisione condivisa. Melchiorri avremmo voluto trattenerlo, non era semplice, ma non ci facciamo trovare impreparati. Arriveranno altri calciatori a completare la squadra, qualcuno andrà via, ma cercheremo di portare giocatori importanti per il Carpi”.

 Non ci sono più, oltre al vecchio mister Calabro,  il dg Scala (rapporto interrotto all’improvviso e “contestualmente” a giugno), l’ex ds Lauriola, l’uomo-marketing Palmieri (tornato al Modena), il tecnico in seconda Costi e il preparatore dei portieri Perrone (questi ultimi due passati al Napoli di Ancelotti e dell’ex Giuntoli),  Melchiorri (che il Cagliari cederà al Perugia), Di Chiara (rientrato al Benevento), Garritano e Mbaye (tornati al Chievo per fine prestito), Verna (Pisa) e il portoghese Capela.  Nonostante il robusto restyling, societario e tecnico, resiste uno “zoccolo duro” di confermati.

Questo l’elenco dei convocati: Barnofski, Calapai (in permesso), Colombi, Concas, Fofana (rientro dal prestito al Savona), Frascatore, Giorico, Jelenic, Ligi, Malcore, Manè (rientro dalla Fermana), Nzola, Pachonik, Pasciuti, Pasotti (portiere, ’96, dal Lumezzane), Petrucci, Piscitella, Piu, Poli, Sabbione, Saber, Serraiocco (anche lui in permesso), Soragna (rientro dal Lumezzane), Van der Heijden, Vano e Venturi (classe 2000, dalla Sammaurese). 

Smontata la vecchia curva, sono in corso i lavori per montare quella nuova, che altro non è che il settore ospiti del “Mazza” di Ferrara dello scorso anno e che sarà “opportunamente” ritinteggiato di bianco e rosso.  Primo week-end di agosto in programma l’entrata in scena del Carpi in Coppa Italia (secondo turno), tre settimane più tardi comincia il campionato, il cui calendario sarà svelato il 31 luglio in un’apposita cerimonia a Cosenza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Biancorossi. E' il primo giorno di scuola per il Carpi

ModenaToday è in caricamento