rotate-mobile
Calcio

Carpi - Forlì 2-1 | Per il Carpi un successo che vale mezza Serie C

Ribaltati i "galletti" nella ripresa con Sall e Calanca. I biancorossi ora sono ad un passo dal traguardo

All'inferno e ritorno. Il Carpi acciuffa al 90' con capitan Calanca il successo col Forlì (2-1) e si guadagna il primo match-point per tornare in serie C a tre anni dall'ultima volta. Basterà vincere una delle due restanti partite - ad Imola ed in casa col Certaldo - e ci sarà il visto per la promozione che a gennaio sembrava un miraggio, con undici punti di ritardo dall'allora capofila Ravenna. Poi 14 risultati utili di fila, 12 vittorie nelle ultime 13 gare (compresa quella, fondamentale nel big match con i giallorossi), ed il sogno del presidente Lazzaretti può diventare realtà a tre anni dal suo avvento.

Una vittoria niente affatto facile, giunta in extremis ed in rimonta a spese di un Forlì orgoglioso e mai domo. A metà ripresa i "galletti" erano ancora avanti e la giornata sembrava di quelle storte che più storte non si può. 
Eppure il verdetto che ha premiato il Carpi è apparso equo, alla luce di un secondo tempo di altissimo livello, giocato con cuore e testa, ma anche attingendo a piene mani da una lunga panchina.  Serpini ha trovato il pari con Sall (preferito al 46 ad Arrondini), e sfruttato poi la freschezza di Cecotti e del "solito" Larhrib. A due gare dalla fine sono sempre quattro i punti di margine sul Ravenna. Per Imola domenica 28 aprile (data fortunata, nove anni fa il Carpi festeggiò la serie A con lo 0-0 col Bari) è prevista una carovana biancorossa come da tempo non si vede, speranzosa di festeggiare ma cauta per ragioni "scaramantiche".

La prima parte evidenzia le difficoltà del Carpi a scardinare il Forlì ben schierato da Antonioli che non lascia spazi al palleggio della squadra di Serpini. Venti minuti senza emozioni, poi a metà tempo ecco una parabola  di Mandelli che non va molto lontano dal palo  di Pezzolato  Poco prima della mezzora, prima parata del portiere romagnolo, che respinge di istinto una zuccata di Verza su angolo calciato dallo stesso Mandelli, ma a ribattere in rete non c'è nessuno.   Lo scorbutico Forlì, che già aveva comunque battuto diversi corner, e chiuso bene ogni varco, passa in vantaggio al 35': Greselin si inventa un destro a giro che pesca l'angolino basso alla destra di Viti, facendo esultare in tribuna il presidente Cappelli ed i suoi più stretti collaboratori. Aumenta il coefficiente di difficoltà del match, ma il Carpi ci prova subito a rimettere a posto il risultato. Tre minuti dopo un tiro di Forapani termine alto non di molto e poi, al 41', Saporetti in acrobazia gonfia la rete su assist di Mandelli. Esultanza vana, l'assistente alza la bandierina, niente gol, ma proteste a go go del pubblico.   

Si riprende con una novità, niente più Arrondini, in campo Sall. Il canovaccio non muta. Il Forlì lotta su tutti i palloni e non concede un centimetro, il Carpi fa fatica a stanare la difesa dei "galletti".  Il tempo passa, il Ravenna vince ed il risultato non cambia. Dentro Cecotti e Larhrib, e qualche spazio per penetrare nella fitta ragnatela forlivese si comincia a vedere.  Anzi, dal quarto d'ora in poi è assedio. Nuvoloni neri, minacce di temporali, è tornato l'inverno. Ma il "Cabassi" ribolle di tifo ed è caldissimo. Le occasioni ci sono. Prima una conclusione di Saporetti deviata che sfila di un niente.  Poi un colpo di testa fuori misura di Beretta innescato da Calanca Quindi il sospirato pareggio che arriva al 28'.  Tcheuna "morde" e recupera palla, trova un corridoio per Sall che dal limite indovina il tiro che fa esplodere il "Cabassi". È tutta un'altra partita, il Carpi ci crede ma il campo pesante e le energie spese penalizzano la sua voglia di vincere. Tuttavia, al 90', quando stanno per essere decretati 5' di recupero, ecco il "miracolo". Corner di Beretta, arriva capitan Calanca di testa, palla in rete. Esultanza sfrenata di tutti i biancorossi, panchina compresa, per abbracciare l'autore del gol forse più importante della stagione, che profuma di serie C. Next stop Imola, ed il Carpi non vuol fermarsi proprio adesso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carpi - Forlì 2-1 | Per il Carpi un successo che vale mezza Serie C

ModenaToday è in caricamento