menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carpi-Crotone 1-2 | Sprofondo biancorosso, una doppietta di Simy condanna Castori

Poli è compagni sempre più ultimi, Serie C ad un passo. Martedì "drammatico" match a Benevento

Se non è finita, poco ci manca e non resta che aggrapparsi ad un precedente vecchio di 41 anni, quello della Pistoiese, salva nonostante l’ultimo posto a questo punto della stagione. Al “Cabassi” vince il Crotone (1-2) e il Carpi, più realisiticamente, affonda sempre più verso l’ineluttabile retrocessione. Al netto delle decisioni di un Ghersini che non ha soddisfatto (eufemismo) il popolo biancorosso, negando almeno due calci di rigore (mani di Sampirisi e “aggancio” ad Arrighini, apparsi netti) ad un Carpi già penalizzato dai propri limiti e dalle consuete amnesie (sono 51 gol subìti). 

Per quella che dovrebbe essere “la partita della vita” Castori rilancia Buongiorno, Di Noia e Vano, tre novità per ruolo, in aggiunta a Coulibaly reduce da un turno di squalifica. Nel Crotone Stroppa punta sulle motivazione dell’ex Machach, schierato in supporto a Simy, con Sampirisi e Firenze sugli esterni. Cinque punti separano al fischio di avvio le due squadre. Il Carpi, ultimo della classe, non ha alternative alla vittoria per continuare a sperare in una salvezza comunque difficile. 

Più pericoloso il Crotone nella primissima fase del match. I calabresi appaiono più intraprendenti ma in un paio di occasioni difettano nell’ultimo passaggio. Quando il Carpi non ha ancora messo piede nell’area di rigore altrui, si ritrova già sotto. Sampirisi crossa da destra, Buongiorno tocca col braccio aperto in piena area. Rigore ineccepibile che Simy trasforma con freddezza alla sinistra di Piscitelli. Al 21’ il Crotone si divora lo 0-2, con Zanellato che spedisce alto da pochi passi preciso traversone di Firenze dalla sinistra. La curva biancorossa, più piena del solito (700 biglietti a 2 euro venduti in settimana), invita i propri “beniamni” a tirar fuori quelle cose lì. Al 32’ Piscitella mette in mezzo, ma Mustacchio appoggia debole di testa a lato, anticipando anche Concas appostato sul secondo palo.  Brivido al 34’, quando una palla avvelenata da angolo di Barberis balla di qua e di là a due metri da Piscitelli, con Simy anticipato prima di battere a rete. Al 38’ Mustacchio non arriva a correggere un colpo di testa di Vano. Cinque minuti dopo super parata di Piscitelli che tiene in vita i biancorossi su tiro a botta sicura di Benali su assist da sinistra di Zanellato. Nel finale di tempo il Carpi pareggia, ma è tutto inutile, Mustacchio è in fuorigioco.

Serve tutto un altro Carpi nel secondo tempo per ribaltare gara e…mondo intero. Al 1’ il Crotone vorrebbe un altro rigore, ma stavolta Ghersini non se la sente di punire come “volontario” un mani di Rolando su tiro di Benali. Esce Buongiorno, entra Arrighini, Castori passa al 3-4-1-2, con Mustacchio dietro Vano e Arrighini. Ma intanto si registra un  clamoroso errore al 7’ dello stesso Benali che spedisce sul palo esterno a porta completamente sguarnita, dopo aver evitato anche Piscitelli. Il Carpi ringrazia, è ancora in partita solo grazie agli errori dei calabresi. Il primo intervento di Cordaz degno di tal nome arriva al 53’ con un sinistro di Di Noia.  Il portiere rossoblù 10’ più tardi si inarca a deviare con la punta delle dita un interessante destro di Concas. Il Carpi però ne combina una delle sue. Fallo laterale di Poli, Sabbione si addormenta e per Simy è un gioco da ragazzi depositare in rete. Non è finita, i biancorossi accorciano quasi subito con Poli, abile a riprendere un colpo di testa  di Vano finito sul montante ed a scaraventare in rete in girata. Al 27’ ci sarebbe un rigore anche per il Carpi per un fallo di mano in area di Sampirisi, ma Ghersini si sbraccia e dice di no. Carpi in 10 negli ultimi scampoli del match. Espulso Concas che si becca il secondo cartellino giallo per un’ entrataccia su Benali. Pettinari al 42’ colpisce la traversa da quattro metri dopo un’altra parata di Piscitelli. Generoso ma improduttivo il forcing finale dei biancorossi, che prima falliscono il pari con Mustacchio e poi vengono graziati da un Simy che spreca incredibilmente l’1-3. Fine dei giochi e forse sipario sulle speranze di salvezza dei biancorossi, attesi martedì sera a Benevento in un infrasettimanale “drammatico”. 

CARPI – CROTONE 1-2 (0-1)
GOL:
19’ rig. Simy; st 19’ Simy, 23’ Poli.
CARPI (4-4-1-1): Piscitelli 6,5; Rolando 6, Sabbione 5,  Poli 5,5, Buongiorno 5 (6’ st Arrighini 6); Concas 4, Coulibaly 6, Di Noia 6 (22’ st Vitale 6), Piscitella 5,5 (22’ st Crociata 6); Mustacchio 6+; Vano 5,5.  In panchina: Serraiocco, Sambo; Suagher, Marcjanik, Pezzi,  Marsura, Romairone, Jelenic, Saric, All.: Castori 6.
All.: Castori 6.
CROTONE (3-5-1-1): Cordaz 6,5; Vaisanen 6, Golemic 6, Curado 6; Sampirisi 6,5,  Zanellato 6 (29’ st Molina 6), Barberis 6, Benali 5,5, Firenze 6; Machach 5,5 (16’ st Pettinari 6); Simy 6,5. In panchina: Festa, Latella; Cuomo, Tripaldelli, Tiripicchio, Gomelt, Kargbo, Marchizza, Valietti, Mraz. All.: Stroppa 6,5. 
ARBITRO: Ghersini di Genova 5 (assistenti Mastrodonato di Molfetta e Bresmes di Brescia; quarto ufficiale Prontera di Bologna).
NOTE: allontanato al 30’ st Stefanelli (dg del Carpi), per proteste. Espulso Concas al 38’ st per doppia ammonizione. Cartellini gialli: 28’ Firenze, 36’ Concas.  Spettatori 2194 di cui 1291 paganti (incasso euro 8981,40) e 903 abbonati (quota 6585,02). Possesso palla (%) 38-62. Tiri in porta 5-5. Corner 6-5. Recupero 1’, 5’.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la provincia di Modena sarà "zona rossa" da giovedì 4 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento