menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carpi - Modena 3-0 | Il Modena sprofonda al Cabassi, il Carpi cala il tris

Gialli mai in partita, trafitti da Ghion e Venturi

Un Modena irriconoscibile cade nel derby e vede allontanarsi (definitivamente?) il primo posto cui un pensierino faceva ancora. Invece, nel giorno in cui il Padova piega il Perugia e stacca di 8 punti i canarini, i riflettori sono tutti per il Carpi che gioca la migliore partita della stagione e si “vendica” della sconfitta dell’andata, conquistando tre punti vitali per la sua fin qui altalenante stagione. Verdetto mai in bilico, visto che, andato sotto subito, il Modena non è mai riuscito a fare la partita che Mignani aveva preparato. In fondo, in questa stagione, i gialli quando sono andati sotto non hanno mai avuto la forza per recuperare: solo una volta su otto, in casa con la Triestina.  Sugli scudi Pochesci, migliore in campo per i biancorossi. In “trance” agonistica, il tecnico romano del Carpi ha trascinato i suoi sin dall’avvio ad attaccare l’area avversaria. La sua fiducia è stata ripagata con una prova maiuscola di tutti. Il derby fa miracoli. E per la terza volta di fila in un Carpi-Modena vince la squadra che sta dietro in classifica.

I TEMI - Un derby anomalo, il primo al “Cabassi” nell’era-Covid. Ovvero senza i colori, le bandiere, le sonorità che solo il pubblico può (poteva) esprimere. Ma i motivi di interesse non mancano di sicuro. Carpi per non finire risucchiato nel baratro dei play-out, Modena per continuare a sognareil primo posto.  Il derby è derby, ma vale tantissimo anche per la classifica, i gialli partono favoriti, e così  i biancorossi debbono tirare fuori una super-prestazione per tener testa agli avversari che sognano la B.
Per la squadra di Mignani schieramento ampiamente annunciato, Tulissi a supportare in attacco Luppi e Spagnoli. Mignanelli vince il ballottaggio con Varutti. Pochesci sceglie Matteo Rossi in porta al posto di Pozzi, come già annunciato nel post gara di Legnago. Si rivede Martorelli (che va in panchina) dopo quasi quattro mesi, mentre Marcellusi viene preferito ad Eleuteri e Bayeye sull’out destro. Proprio a ridosso del fischio d’avvio viene annunciato Ghion al posto di Bellini, già “titolare” secondo la distinta distribuita alla stampa. 

LA CRONACA - Il Carpi dopo neanche un minuto ha già la palla del vantaggio. Il Modena non copre bene gli spazi, lascia scorrere una palla in mezzo all’area, Lomolino arriva prima di tutti, evita Gagno che lo aggancia. E’ rigore. Ghion, freddissimo, realizza spiazzando il portiere canarino. Si rovesciano le parti rispetto al derby dell’andata, quando fu il Modena ad andare avanti (su rigore) dopo 5’ con Tulissi. Mai in questa stagione i gialli avevano subìto una rete così presto. La più veloce era stata quella del pesarese Marchi (al 9’) alla seconda giornata.  Il Carpi ritrova il gol dopo ben 393’. I Modena ancora non scende in campo, tant’è che al 10’ i biancorossi sfiorano il raddoppio di rimessa. Marcellusi crossa molto bene per la testa di De Cenco, Gagno intercetta in tuffo e nette in angolo. Pian piano i gialli provano a mettere il naso nella metà campo aversari, ma hanno difficoltà nel far girare il pallone come di solito e patiscono il pressing avversario. Primo squillo al 25’, con una zuccata di Muroni su traversone di Luppi sulla quale è pronta la risposta di Rossi in angolo. Due minuti dopo Sabotic toglie letteralmente dalla testa di Tulissi un pallone messo in mezzo da Luppi da sinistra. Alla mezz’ora è ancora Gagno ad andare a prendere un sinistro a giro di Mastour Al 38’ gialli ancora pericolosi, Rossi è bravo a bloccare una conclusione del solito Tulissi. La partita è tirata, il Modena è smanioso di recuperare lo svantaggio. Poco prima del duplice fischio viene allontanato per proteste Vergassola, l’assistente di Mignani, che contesta al direttore di gara l’ammonizione a Castiglia. Al 45’ l’ex Gozzi va a murare un tiro di Luppi dalla sinistra. Si va al riposo col Carpi in vantaggio. 

Dopo poche battute nella ripresa, Mastour deve abbandonare per un guaio muscolare, entra Bellini. Piccolo battibecco tra Pochesci e Magnani.  Neanche questo contrattempo spegne l’ardore agonistico del Carpi e riaccende un Modena che appare sorpreso ed incapace di scuotersi. Troppo compassata la squadra canarina.  I biancorossi arrivano prima su ogni pallone. Al 13’ Bellini serve a Venturi l’assist per il comodo raddoppio a pelo d’erba alla destra di Gagno. Il Modena è irriconoscibile, il derby sta scappando via. Bisogna attendere il 22’, azione personale di Muroni che impegna in tuffo l’ottimo Rossi. Poco dopo Mignani ricorre alla sua lunga panchina, immettendo forze fresche nel tentativo di risalire la corrente. Dentro Scappini e Prezioso, richianati Luppi e Muroni. Il Modena guadagna metri, ma non è mai pericoloso. Anzi, rischia il tris, che arriva puntuale poco dopo la mezz’ora. Pergreffi intercetta con la mano un cross di Marcellusi. Altro rigore, altra trasformazione di Ghion. Per il miglior Carpi della stagione è il 3-0. Il Modena è fuori dalla partita. E non vi rientra più. Nel recupero i gialli sprecano malamente pure un rigore. Fallo di Sabotic su Scappini, ma l’ex reggiano prova il “cucchiaio” che Rossi non ha alcuna difficoltà a bloccare. Per la squadra di Mignani il salto di qualità è rimandato ancora una volta. Il Carpi, invece, si riaccende proprio nel derby che gli è stato fatale nelle ultime due, sfortunate, occasioni. 

GOL:  3’ (rig.) Ghion; st 13’ Venturi, 31’ (rig.) Ghion.  
CARPI (3-4-1-2): Rossi 7,5; Gozzi 7, Venturi 7,5, Sabotic 6,5; Marcellusi 7 (33’ st Bayeye s.v.) Ghion 7,5 Fofana 7 (33’ st Ceijas s.v.), Lomolino 7 (43’ st Ercolani s.v.); Mastour 6,5 (4’ stBellini 7); Giovannini 6,5, De Cenco 6 (43’ st De Sena s.v.)) In panchina: Pozzi, Varoli,  Llamas, Eleuteri, Martorelli, Ferretti. Ridzal. All.: Pochesci 7.
MODENA (4-3-3): Gagno 4,5 ; Bearzotti 5,  Zaro 5, Pergreffi 5, Mignanelli 5; Muroni 5,5 (23’ st Prezioso s.v.), Gerli 5, Castiglia 5 (Corradi s.v.); Tulissi 6 (Sodinha), Spagnoli 5, Luppi 5,5 (23’ Scappini s.v.).  In panchina: Narciso, Chiossi, Ingegneri, Varutti, Mattioli, De Santis, Davì, Corradi, Vaccari, Sodinha. All.: Mignani 5.
ARBITRO: Fiero di Pistoia (assistenti, quarto ufficiale)
NOTE: espulso Vergassola (secondo di Mignani) per proteste al 44’. Ammonito Muroni, Gerli, Castiglia; Gozzi, Rossi, Ghion, Bellini. Recupero 1’, 4’.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ufficiale, l'Emilia-Romagna torna in zona arancione da lunedì

Attualità

Zona arancione, cosa cambia da lunedì 12 aprile a Modena

Attualità

Focolaio covid all'Ospedale di Sassuolo, positivi 15 pazienti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento