menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carpi Udinese 2 - 1 | Biancorossi, è questa la strada giusta

Pasciuti gol e record. Unico nella storia del calcio a far gol in cinque categorie nazionali con la stessa maglia. Per Castori è la prima vittoria casalinga, al “Braglia” i biancorossi non vincevano dal 3 ottobre

Il Carpi tira fuori dal match con l’Udinese la prestazione che serviva. Ovvero personalità, concretezza, compattezza ,dimostrando anche di saper costruire. Quello che ci vuole per arrivare al “sogno” salvezza. Udinese battuta ed aggredita sin dall’inizio. Ci pensano Pasciuti e Lollo a far quei gol che le punte non fanno, una volta messo in naftalina l’unica che le faceva, ovvero Borriello. Ma nel Carpi operaio c’è posto per chi si sacrifica, e solo per chi getta il cuore oltre ogni ostacolo, anche quelli più alti. L’Udinese? Poca cosa, e chissà, forse anche per meriti della squadra di Castori. Mercoledì c’è la Coppa Italia a Milano, contro i rossoneri del traballante Mihajlovic. Altra gara “impossibile”, ma hai visto mai. 

Questa partita del “Braglia” entrerà nella storia. Perché Lorenzo Pasciuti, carrarino di 26 anni, è l’unico giocatore della storia del calcio ad aver fatto gol con la stessa maglia in tutte le categorie. 
LA CRONACA
Per la “gara della vita” il Carpi si affida ad otto “pretoriani” su undici, quelli della B stravinta. Al posto di Gabriel, Struna e Porcari ci sono Belec, Zaccardo e Cofie. Per il resto sono gli stessi. Fa rumore, oltre la mancata convocazione di Borriello, anche l’esclusione di Marrone, neanche in panchina. Lista cortissima quella dei biancorossi, è più lunga quella di chi è ai margini in attesa di cambiare aria.
Mbakogu guida l’attacco, supportato da Pasciuti e Di Gaudio. Spesso e volentieri Lollo si alza per soffocare la manovra delle “zebrette” e della loro mente Lodi.  
Ci prova già al 5’ la squadra di Castori. Il rientrante Bianco prova da buona posizione, ma il pallone si perde nell’area piccola tra una selva di gambe in maglia azzurra.  L’iniziativa è in mano ai biancorossi. Al 13’ colpo di tacco di Mbakogu per accendere il contropiede di Pasciuti, palla a Di Gaudio che si impappina sul più bello. Al quarto d’ora Pasciuti mette in mezzo un bel pallone, ma Mbakogu è in leggero ritardo.  Si scuote l’Udinese all’improvviso, con un destro dai venti metri di Théréau, Belec si tuffa e mette in angolo. Clamorosa palla gol per il Carpi al 18’, con Zaccardo tutto solo che non riesce ad angolare il destro, Karnezis respinge di piede.  Il gol arriva al 25’, ed è un gol storico. Lo segna Pasciuti, di testa su cross di Bianco.  Karnezis può solo raccogliere il pallone in rete, in pallone messo dentro da l’unico giocatore ad aver segnato con la stessa maglia in cinque categorie diverse, dalla D alla A, passando anche per la defunta C2 o Seconda Divisione… Un talismano autentico.  Il Carpi è aggressivo e determinato, l’Udinese delude rispetto alle ultime esibizioni. Al 33’ Letizia sfiora il palo con una conclusione da fuori, ed al 39’ da un cross dello stesso Letizia si accende una mischia, la palla schizza verso Lollo che ottiene solo un angolo.
Udinese brutta e inconcludente, merito del Carpi, indubbiamente. Castori si affida a Lasagna, non ce la fa Bianco (comunque ottimo il suo rientro). Perica è spento, Colantuono ripropone Di Natale.  Il Carpi va vicino al raddoppio con lo stesso Lasagna. Gran tiro al volo su servizio di Di Gaudio, si oppone alla grande Karnezis e devìa in angolo.  Dall’altra parte un tiro cross di Bruno Fernandes al 17’ fa solo il solletico a Belec..  Entra anche Zapata, l’Udinese potenzia la propria batteria offensiva.  Castori riequilibra l’assetto, con Crimi al posto di Di Gaudio.  I biancorossi raddoppiano al 26’. Ottimo l’inserimento di Lasagna che vede e serve all’indietro Lollo, gran tiro sotto la traversa. Gara in ghiaccio? Per carità. L’Udinese ha un sussulto e dimezza lo svantaggio un minuto e mezzo dopo.  Zapata, sugli sviluppi di un calcio piazzato, si ritrova tutto solo e pur decentrato, trova il sinistro vincente che beffa Belec sotto le gambe.  La squadra friulana ci crede. Al 38’ clamoroso palo di Badu pochi passi, con la palla che schizza fuori area tra una selva di gambe. Il Carpi si divora il 3-1 al 43’. Mbakogu mette un bel pallone in mezzo, ma Lasagna non ci arriva per un nonnulla.

GOL: 2 pt 26’ Pasciuti; nel s.t. al 26’ Lollo, 27’ Zapata.
CARPI (4-4-1-1): Belec;  Zaccardo, Romagnoli, Gagliolo, Letizia;  Pasciuti, Cofie, Bianco (6’ st Lasagna), Di Gaudio (21’ st Crimi).  Lollo; Mbakogu (46’ st Suagher). A disp.:  Brkic,  Martinho, G.Silva, Daprelà.  All.: Castori. 
UDINESE (3-5-2): Karnezis;  Piris, Danilo, Felipe; Widmerm (17’ st Zapata), Badu, Lodi, B.Fernandes (37’ st Marquinho), Alì Adnan; Théréau, Perica (7’ st Di Natale). All.: Colantuono.  A disp.: Meret, Wague,  Insua, Iturra, Guilherme, Ednilson, Kone, Aguirre, Heurtaux. 
ARBITRO:  Fabbri di Ravenna (assistenti Tonolini e Mondin, quarto uomo Fiorito, addizionali Damato e Minelli).
Note: spettatori 5268, di cui 1559 paganti (incasso 19497,90), 3709 abbonati (quota 57,891,27). Ammonito Piris.  Recupero 1’ 4’. 
LE PAGELLE
CARPI Belec 6, Zaccardo 7, Romagnoli 6,5, Gagliolo 7, Letizia 7;  Cofie 6,5 Bianco 7, (Lasagna 6,5), Lollo 7; Pasciuti 7,5, Mbakogu 6,5 Di Gaudio 6,5.   
UDINESE: Karnezis 6;  Piris 5,5, Danilo 5,5, Felipe 6; Widmer 6, Badu 6, Lodi 6, B.Fernandes 5,5, Alì Adnan 6; Théréau 5,5, Perica 5 (Di Natale 5,5) All.: Colantuono.

-> Tutti i risultati sportivi dei campionati locali

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazioni anti-Covid, si apre la prenotazione per i 60-64enni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento