Sport

Cremonese - Carpi 1-2 | Pachonik e Jelenic firmano una vittoria d'oro per i biancorossi

In dieci per mezz'ora (espulso Sabbione) la squadra di Castori vince allo "Zini" e balza in zona salvezza

Questo Carpi viaggia che è un piacere. A Cremona i biancorossi nella loro storia non avevano mai vinto. Ci sono riusciti questo pomeriggio (1-2) con una prova leonina e di grande temperamento, anche perché raggiunta in inferiorità numerica dopo l’espulsione di Sabbione. C’ha pensato Jelenic a tramutare in moneta sonante e in un gol che vale, per una volta, la zona salvezza per la prima volta in questa stagione. Prima tanta sostanza, prima e dopo il vantaggio di Pachonik e il momentaneo pari di Paulinho. Castori le indovina tutte e il Carpi coglie a Cremona la terza vittoria esterna in questa stagione, la quarta in assoluto, la seconda di fila, risucchiando in basso pure i fischiatissimi grigiorossi di Rastelli, chiamati dalla curva arrabbiata a tirare fuori…gli attributi mentre i biancorossi si abbracciano esausti sul terreno di gioco. 

Castori conferma Machach ma al posto di Arrighini dal 1’ gioca l’ex Mokulu. Torna Colombi tra i pali dopo due giornate di squalifica. Assente Concas (affaticamento muscolare), Jelenic torna a destra, sul versante opposto entra Piscitella. In mezzo Pasciuti e Di Noia. La Cremonese, sculacciata a Foggia, rinfresca la formazione con l’ingresso di Emmers a centrocampo e Strefezza in attacco. Rientra in difesa anche l’ex sassolese Terranova.

Le due tifoserie unite nel ricordo del giovane tifoso grigiorosso Federico, deceduto in seguito ad un malore mentre si recava a Foggia a seguire la sua Cremonese.

Segui il Carpi su DAZN. IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND
Il primo mese è GRATIS!

Al 6’ brivido Carpi.  Cross dalla destra di Mogos, Colombi smanaccia a terra, il pallone finisce sui piedi di Migliore che non ci pensa due volte, armando un sinistro rimpallato da Poli. Sul conseguente corner Paulinho sfiora di testa su traversone di Castagnetti, la palla termina poco lontano dal secondo palo. Dopo una fase di sostanziale equilibrio, la Cremonese inizia a spingere e costringe la squadra di Castori a ripiegare all’indietro. Il primo tiro nello specchio arriva al 28’ ed è del grigiorosso Strefezza che chiama Colombi all’intervento in tuffo.  Poco dopo una staffilata di Castagnetti finisce di poco fuori. I lombardi fanno collezione di corner, ma in un paio di circostanze si “dimenticano” di coprirsi bene le spalle e rischiano di farsi male sul contropiede altrui. Prima c’è Jelenic al 34’ che non sfrutta il mal posizionamento altrui. Il cross dello sloveno non è quello che serve, Migliore intercetta e sventa la minaccia. L’occasione più ghiotta capita due minuti dopo. Paulinho si “addormenta” e perde un pallone sanguinoso, con tutta la Cremonese sbilanciata. Parte a tutta velocità Machach che fa almeno sessanta metri di campo palla al piede ma poi non riesce a scavalcare Ravaglia. Al 40’ guizzo di Mokulu che entra in area e ci prova in diagonale di sinistro, Ravaglia Dai e dai, il Carpi passa, un po’ a sorpresa e un po’ no.  Al 42’, sugli sviluppi del primo corner dei biancorossi,  Jelenic pennella e Pachonik la mette dentro di sinistro con la gentile collaborazione di Castrovilli e del portiere Ravaglia. Finale di primo tempo nel segno del nervosismo. Machach (che i cremonesi stuzzicano ad ogni piè sospinto) discute animatamente con Paulinho, e si forma un anche un capannello che somiglia ad un accenno di rissa. Per fortuna prevale il buon senso e le squadre “serenamente” tornano negli spogliatoi.  

Al 3’ della ripresa bello scambio sulla destra tra Jelenic e Pasciuti (tacco), palla in mezzo per Piscitella che gira di testa di poco a lato. La Cremonese appare in difficoltà nei primi minuti della ripresa. Al 7’ Castori sostituisce Machach (molto nervoso), e fa entrare Arrighini. Machach ritarda l’uscita e prende il giallo. Al 9’ contatto in area Migliore-Arrighini, l’attaccante toscano protesta, ma Di Martino fa proseguire. All’11’ sgroppata e cross di  Pachonik chenon trova nessuno all’appuntamento. Carpi in 10 al 13’, con Sabbione che viene sanzionato col rosso per un gomito alto ai limiti dell’area su Paulinho. Episodio controverso, che costringe la squadra di Castori a  giocare per mezz’ora abbondante in inferiorità numerica. Esce così Mokulu, entra Buongiorno a coprire il “buco” in difesa. Poco dopo l’arbitro non se la sente di fare lo stesso con Paulinho (solo ammonito), dopo un fallo simile su Poli. Al 18’ Terranova assiste Mogos,  scarico su Paulinho che da pochi passi spara altissimo. Al 20’ prodigio di Colombi che leva letteralmente il pallone dalla porta su colpo di testa a botta sicura di Arini. Il pari grigiorosso arriva al 24’, traversone dalla sinistra di Carretta che pesca la “cabeza” vincente di Paulinho. Il Carpi non riparte più e rischia su tiro di Piccolo che sfiora il montante.  Alla mezz’ora ci sarebbe per la verità una chance pure per i biancorossi, ma Jelenic indirizza alta una punizione dai venti metri. Al 33’ Di Noia penetra in area ma tira quando è ormai sbilanciato, nulla  di fatto. Il Carpi ha mille risorse e fa gol di nuovo. Nel 2-1 c’è tutto il calcio di Castori: Pasciuti lancia col contagiri, Arrighini e Jelenic si infilano nella sguarnita retroguardia di casa e la beffano. Arrighini lancia Jelenic che alza la testa e brucia Ravaglia proprio sotto la curva di casa. Al 90’ c’è anche l’opportunità dell’1-3 con Jelenic ma Ravaglia chiude sul suo palo. Si gioca fino al 95’ e ci sono pure un altro paio di palle gol per la Cremonese fino al liberatorio fischio finale. 

GOL: 42’ Pachonik; st 23’ Paulinho, 37’ Jelenic. 
CREMONESE (4-3-1-2): Ravaglia 5,5; Mogos 6, Terranova 6, Claiton 6, Migliore 6; Emmers 5 (22’ st Piccolo 6), Castagnetti 6, Arini 6 (42’ Boultam s.v.);  Strefezza 6, Castrovilli 5 (12’ st Carretta 6);  Paulinho 6. A disp.: Volpe, Agazzi; Kresic, Piccolo, Croce, Marconi, Greco, Del Fabro, Renzetti.  All.: Rastelli 6. 
CARPI (4-4-1-1): Colombi 7; Pachonik 7, Poli 7, Sabbione 5, Pezzi 6; Jelenic 7, Pasciuti 7-, Di Noia 6,5 Piscitella 6 (39’ Mbaye 6); Machach 5,5 (7’ st Arrighini 7); Mokulu 6 (15' st Buongiorno 6,5).  A disp.: Serraiocco, Piscitelli; Suagher, Frascatore, Buongiorno, Ligi, Vano, Romairone, Saric, Wimots. All.: Castori 7. 
ARBITRO: Di Martino di Teramo 5 (assistenti Vecchi di Lanezia Terme e Capone di Palermo ; quarto ufficiale Pillitteri di Palermo). Espulso al 14’ st Sabbione. Ammoniti: pt 45’ Di Noia; st 7’ Machach, 17’ Paulinho. Angoli 13-1. Recupero 1’, 5’. Spettatori: 5.416; incasso: 31.103 €.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cremonese - Carpi 1-2 | Pachonik e Jelenic firmano una vittoria d'oro per i biancorossi

ModenaToday è in caricamento