Sport Piazza Risorgimento

Calcio, Serie B: Sassuolo ancora nella bufera 'last bet'

E' arrivata la lista dei 18 club e 26 tesserati deferiti dal Procuratore Federale Stefano Palazzi nell'ambito dell'inchiesta sul calcio-scommesse; tra i tanti nomi compaiono anche Sassuolo e Quadrini

Fine luglio di fuoco per il Sassuolo Calcio che in pochi giorni è costretto ad affrontare due notizie non proprio piacevoli. Ieri Salvatore Bruno è stato sottoposto all’intervento di pulizia della cartilagine del ginocchio sinistro presso la clinica Villa Stuart di Roma; l’intervento è riuscito perfettamente ma secondo il Professor Pier Paolo Mariani i tempi di recupero si aggirano intorno ai due mesi, per questo Pea ha richiesto di poter tornare sul mercato non potendo più contare sul forte attaccante almeno per il primo mese di campionato.

Oggi poi è arrivata a piazza Risorgimento un’altra brutta notizia: il deferimento di Quadrini e del Sassuolo nell’ambito della nota vicenda “last bet”. La notizia era nell’aria ed anzi sembrava che potesse travolgere anche Pomini, Bianco e De Falco, che sono però fortunatamente rimasti estranei dopo essere stati sentiti. In attesa di saperne di più non possiamo non notare che tra i vari deferiti di altri club sono presenti i nomi di alcune vecchie conoscenze modenesi: il caso più eclatante è sicuramente Cristiano Doni, cresciuto nel Modena, attualmente all’Atalanta, che rischia fino a tre anni di sospensione, di fatto chiuderebbe la carriera; altro nome noto agli appassionati di calcio della nostra provincia è Ivan Tisci, centrocampista gialloblù dal 2004 al 2007 ritiratosi dal calcio il 2 giugno scorso nel corso di una amichevole.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio, Serie B: Sassuolo ancora nella bufera 'last bet'

ModenaToday è in caricamento