Sport

Atletica, il pavullese Giacobazzi campione d’Italia under 23

Il talento della Fratellanza si laurea vincitore dei nei 10000 metri. A Reggio bene gli allievi nel della Fratellanza. Fornasari e Ansaloni veloci a Castiglione

Gare outdoor di carattere regionale e nazionale hanno caratterizzato il weekend modenese: campionati italiani di 10.000 metri a Roma, campionari di società allievi a Reggio ed il meeting internazionale di Castiglione della Pescaia.

Giacobazzi tricolore sui 10.000 under23. Il giovane talento del mezzofondo pavullese Alessandro Giacobazzi, allenato tra Pavullo e Modena dal prof. Mauro Bazzani, ha vinto per la seconda volta il titolo italiano sui 10.000 metri, e la quinta volta un titolo italiano. Nel clima caldo e afoso che ha caratterizzato il pomeriggio della città di Roma sabato, Giacobazzi si è messo sulla linea di partenza con due obiettivi in testa: riconquistare il tetto d’Italia e realizzare il minimo per partecipare ai Campionati Europei di categoria, fissato a 29’50”, che si svolgeranno in Polonia questa estate. Allo sparo dello starter la gara si è accesa su ritmi molto alti, ma a causa del caldo e del sole battente gli atleti hanno decrementato il passo dopo pochi chilometri di gara. La giovane promessa pavullese ha capito quindi che la realizzazione del tempo minimo non sarebbe stata fattibile e ha iniziato a gareggiare con la testa e non più con le sole gambe, tenendo d’occhio gli avversari e aspettando il momento giusto per incrementare il passo e vincere la gara. Il duello è stato con l’amico-rivale Pietro Riva, che non ha resistito agli attacchi sferzati da Giacobazzi che ha interpretato molto bene il tratto finale di gara, concludendo con una splendida volata che gli ha regalato la vittoria con il tempo finale di 30’03”58. Le parole dopo il titolo italiano: "Tornare a vincere questo titolo italiano oggi era l’obiettivo più importante, adesso non mi resta che cercare un altro 10.000 per provare a scendere sotto i 29’50” e staccare il pass per gli Europei a Bydgoszcz in Polonia".

Santi argento under 23. Nella gara femminile si è difesa bene anche la portacolori dell’Esercito di casa Fratellanza Christine Santi, che nella classifica Under23 ha messo al collo la medaglia d’argento con il crono di 35’51”05 dietro la trentina Isabel Mattuzzi con il tempo di 34’48”29.  Christine ha corso il settimo crono assoluto nella gara vinta da Sara Dossena (33’11”).

Castiglione della Pescaia, Fornasari e Ansaloni frecce toscane. Al prestigioso meeting toscano hanno potuto accedere alcuni degli atleti migliori del panorama italiano, tra cui anche alcune punte di diamante della Fratellanza. Nei 100 metri piani solo volati i modenesi Freider Fornasari che hanno corso i rispettivi primati personali di 10”67 e 10”90. Peccato per il vento oltre i limiti con Fornasari sfortunato perché il vento di +2,1 era vicinissimo al limite mentre Fornasari ha corso con vento +2,8. Ci sarà presto occasione per entrambi di dimostrare il loro valore anche con vento regolare. Nono posto per Riccardo Tamassia negli 800 metri, tornato a correre sotto il muro di 1’50”. Per lui crono finale di 1’49”90 nella gara vinta dall’algerino Ramzi in 1’47”28.

A Reggio Emilia allievi in zona podio.  Allievi, giovani da record. Le gare della prima prova del campionato di società allievi si sono disputate nell’impianto di Reggio Emilia, con una buona partecipazione da parte di molti atleti della regione e notevoli risultati a livello tecnico. Il più rilevante è stato quello registrato dall’atleta del Cus Parma Edoardo Scotti nei 400 metri che con il crono di 47”13 è ad un soffio dalla miglior prestazione nazionale di sempre di categoria. Anche gli atleti della Fratellanza  hanno registrato ottimi risultati individuali, mentre a titolo di team la formazione maschile è seconda al Cus Parma mentre in quella femminile è terza al Cus Parma e Lugo.

Velocità. Seconda piazza per Jeremy Caiumi nei 100 metri corsi davvero molto forte in 11”40. Nel corso delle due giornate sono scesi in pista anche gli junior, per testare la condizione fisica in vista dei prossimi appuntamenti stagionali. Bene Simone Boldrini nei 110 metri ostacoli con 14”76. Davvero veloce nei 200 metri Irene Pini che ha ottenuto l’argento con i tempo di 25”99.

Mezzofondo. Nei 2000 metri siepi Chiara Tognin è riuscita a condurre un’ottima gara, nonostante sia stata tutta in solitaria. Il crono finale la dice lunga: il 7’26”60 rappresenta il quinto tempo all time tra le allieve dell’Emilia Romagna, tra quelle che hanno corso più veloce di ei negli anni passati ci sono anche le compagne di club Christine Santi che nel 2011 realizzò il crono di 7’07”02 e Francesca Bertoni 7’17”31 registrato nel 2010. Chiara Tognin ha poi ottenuto il personale anche negli 800 metri corsi in 2’19”49. Successo per Gianmarco Verdi nei 3000 corsi in 9’16”55, seguito dal triatleta Tommaso Roveda terzo in 9’31”07. Nei 1500 metri Nicolò Barbieri si è lasciato guidare dai due capofila e ha concluso la gara al terzo posto in 4’12”83. Nicolò ha poi ottenuto il terzo posto negli 800 corsi in 1’59”61. Nella gara femminile sono state ben cinque le atlete a scendere sotto il muro dei 5 minuti, con l’ottimo quarto piazzamento di Martina Cornia con il crono di 4’54”36.  Nei 5 chilometri di marcia terza piazza per Emanuele Cozza con 27’38”22, nella gara femminile terza Alice Sgarbi con 29’20”53.

Concorsi. La gara di salto triplo ha visto i primi tre atleti superare i 13 metri di lunghezza, con la vittoria e nuovo record personale di oltre 50 centimetri per Samuele Campi che ha fatto registrare la misura di 13,74 metri (realizzata con un vento di -1,2), secondo poi nel lungo con 6,45. Nel salto in alto Nicole Romani ha valicato l’asticella posta a 1,70 metri guadagnando la prima piazza. Primati personali invece nella gara maschile con Andrea Venturelli che ha superato  l’asticella posta a 1,87 (secondo) ed Alessandro Azzani salito a 1,83 (quarto). Nel salto in lungo Bianca Mantovani è atterrata a 5,47 concludendo al secondo posto. Nel salto con l’asta terza piazza per Paolo Pavel Solieri con 3,60 metri. Passando alle gare dei lanci la più avvincente è stata quella del lancio del giavellotto con la sfida tra l’atleta giallo-blu Simone Coriani e il bolognese Giorgio Davoli, che ha visto i due alternarsi alla guida della classifica nel corso di tutte e sei le prove, con l’ultimo lancio che ha fatto da ago della bilancia. Ad intascare la vittoria è stato infatti il modenese con la misura di 54,90 metri.

Staffette. Nella 4x100 la Fratellanza ha agguantato la vittoria grazie alla formazione composta da Valentina Gavioli, Irene Pini, Bianca Mantovani, Alessia Conciliano, che hanno fatto registrare il crono di 48”77, nuovo primato sociale, precedendo il Cus Parma e l’Atl. Lugo. La 4x100 maschile ha visto la Fratellanza al quarto posto, con le frazioni corse da Gianmarco Salvato, Jeremy Caiumi, Samuele Campi e Dario Garzia in 45”37. Al terzo posto la 4x400 femminile con Alessia Conciliano, Alice Ferracuti, Irene Pini e Chiara Tognin che hanno corso in 4:12.91.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Atletica, il pavullese Giacobazzi campione d’Italia under 23

ModenaToday è in caricamento