rotate-mobile
Sport

Atletica, le medaglie modenesi ai Campionati Italiani Assoluti 2014

Buon bottino gialloblu a Rovereto: Rubbiani è bronzo con 5.25 nel salto con l’asta. Ferrante Grasselli medaglia d’argento nel salto in alto. Lukudo bronzo nei 400 ostacoli

La prima medaglia modenese ai Campionati Italiani Assoluti tenutisi nel fine settimana a Rovereto (Trento) è stata quella di Matteo Rubbiani, che con la misura di 5.25 nel salto con l'asta, ha conquistato il bronzo. Dopo essere entrato in gara alla misura di 5.05, ha poi commesso un solo errore a 5.25, misura superata al secondo tentativo che gli è valso il bronzo.

Gran bella gara di Riccardo Serra nella finale del salto in lungo dove l’atleta allenato da Carlo Muzzioli ha centrato un bel risultato. Dopo i primi due salti nulli, e quindi all’ultimo tentativo, Riccardo ha centrato la bella misura di 7.45 che lo ha proiettato al settimo posto. I tre salti di finale (con il migliore a 7.38) lo hanno confermato al settimo piazzamento.

Giacomo Drusiani invece ha con grande successo ottenuto la finale del getto del peso. La sua sfida, più che contro gli avversari, era contro il fantasma dell’infortunio che lo ha messo ai box dallo scorso maggio ad oggi. Per lui un ultimo lancio sopra ai 15 metri (15.04) lo ha proiettato al 9° posto accendendo così alla finale a 12 di domani.

Buona prova nei 100 per Tommaso Lazzarini che in batteria ha ottenuto il tempo di 10.64. Peccato che per accedere alla finale servisse il tempo di 10.53, meglio del personale di Tommaso (10.58). Nei 10km di marcia disputati in centro a Rovereto venerdì sera, Luca Montoleone (Fratellanza) ha ottenuto il 23° tempo marciando in 46’50”.

Serviva poi una medaglia di valore nazionale per premiare il giusto impegno di un ragazzo molto dedito al lavoro. Ed è arrivata. Così Ferrante Grasselli ha potuto gioire con la medaglia d’argento ottenuta nella gara di salto in alto ai Campionati Italiani Assoluti che hanno raccolto il meglio dell’atletica italiana. Il risultato è estremamente positivo: Ferrante Grasselli ha vinto la medaglia d’argento nella finale di salto in alto di un campionato assoluto. Guardando la gara però sfuma un pizzico di rammarico per un titolo italiano sfumato all’ultimo salto. Si perché “Ferro” ha condotto tutta la gara in testa, facendo una progressione impeccabile sino a 2.16 e compiendo un solo errore a 2.19. A 2.22 si affrontano lui e Gianmarco Tamberi che alla misura precedente ha compiuto un errore in più. Entrambi sbagliano due volte i tentativi a 2.22 ma all’ultimo salto Tamberi trova le misure giuste per valicare l’asticella, ed all’errore di Grasselli, può gioire per il titolo italiano.

Riccardo Tamassia ha corso i 1500 in 3:52.00 ottenendo il 16°tempo. Putroppo un finale di corsa a ritmi esagerati ha visto gli avversari avere una marcia in più di Riccardo. Nei 3000 siepi uomini invece buon 22° posto per il giovane Simone Colombini che correndo la distanza in 9:19.52 non è andato lontano dal personale.

Raffaella Lukudo ha ottenendo il primato personale nel momento gusto, nella finale dei 400 ostacoli corsi nel tempo di 58.74. Per la “Raffa” si tratta di un gran bel progresso rispetto al precedente record di 59.46. Nella giornata di ieri grande record personale nei 3000 siepi per Francesca Bertoni (Cittadella) che migliorandosi di 5 secondi ha corso la distanza in 10:37.20, che le è valso il sesto posto mentre la compagna Christine Santi è giunta sedicesima con 10:54.23. Nei 1500 infine 11° posto per Chiara Casolari con il tempo di 4:35.00, mentre l’emozione di Eleonora Iori, alla sua prima partenza dai blocchi in un campionato assoluto, ha giocato la sua parte. La velocista allenata da Elisabetta Salvioli, ha dovuto fare i conti con la pressione di un grande evento con atlete di grande esperienza e non è riuscita ad esprimersi ai suoi livelli. Eleonora, oltre al 17° posto con il tempo di 12.44, riporta a Modena una grande esperienza Sfortunata la staffetta 4x100 che schierava Lara Giovanelli, Anna Berneschi, Eleonora Iori e Paola Forghieri. Purtroppo al primo cambio la Giovanelli è arrivata un po’ stanca in zona cambio e nel volersi allungare per passare il testimone alla Berneschi, è caduto il testimone portando al ritiro la giovane staffetta della Cittadella.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Atletica, le medaglie modenesi ai Campionati Italiani Assoluti 2014

ModenaToday è in caricamento