Affiliazioni Leo Shoes Modena, approdano anche Scandicci e Calvizzano

Dopo le affiliazioni di Mirandola e Casarano con la realtà di Modena Volley, oggi è l'ora di Scandicci e Calvizzano, puntando "tutto" su nuovi talenti

Dopo la presentazione delle società di Casarano e Mirandola, prime affiliate al progetto Modena Volley Academy, continua il nostro viaggio tra le realtà che hanno deciso di legarsi ai colori gialloblù andando a raccontare la storia della Robur Scandicci e del Calvizzano Volley, le motivazioni che le hanno spinte ad entrare nel network e le aspettative che nutrono relativamente all’Academy.

Sono realtà diverse Scandicci e Calvizzano, la prima a due passi da Firenze respira volley da sempre mentre quella campana è una società più recente, entrambe sono accomunate da “numeri” e valori importanti.

 “Scandicci è un paese che respira pallavolo da sempre – spiega Valerio Bonardi, Ds del Settore Giovanile della Robur Scandicci – e noi nel 1990 abbiamo riunito le piccole società maschili del comune e abbiamo dato vita all’ Unione Pallavolo Scandicci che poi è diventata ufficialmente parte della polisportiva Robur. Adesso, dal Minivolley fino alla prima squadra, che milita in Serie C, ne fanno parte oltre 160 ragazzi. Abbiamo una squadra in C, una in D e poi quest’anno, purtroppo, abbiamo dovuto saltare l’Under 17 e la prima divisione a causa del Covid perché non avevamo abbastanza spazi nelle palestre”. 

Diversa, ma appassionante la storia della società napoletana: “L’idea di creare una società di pallavolo è nata da mia moglie che è sempre stata giocatrice e allenatrice, dopo aver cambiato lavoro ha dovuto lasciare il mondo volley sentendone nel tempo sempre più la mancanza – spiega Vincenzo Frascogna, presidente dell’ ASD Calvizzano Volley - Insieme abbiamo deciso di creare questa società, di cui lei è vice presidente oltre che responsabile del settore giovanile, l’abbiamo fatto anche per il nostro paese. Nel settembre 2009 si è realizzato il progetto di creare una nuova realtà, mai esistita prima, nel comune di Calvizzano, in provincia di Napoli, un’associazione sportiva dilettantistica di pallavolo senza scopo di lucro. Prende vita così la ASD Calvizzano Volley. Tutto ciò che caratterizza la nostra associazione sportiva è l’attenzione alla persona: crediamo fortemente nel valore educativo dello sport, perché avvantaggia tutti i ragazzi e le ragazze, indipendentemente dalle abilità motorie naturali di ciascuno. Oggi siamo oltre 200 tesserati, la prima squadra femminile fa la Serie D regionale, mentre il maschile fa la prima divisione”. 

Ma quali sono i motivi che hanno spinto Scandicci ad affiliarsi a Modena Volley e cosa si aspetta la società toscana dalla partnership con Modena Volley? “Modena Volley per noi di Firenze è sempre stato un avversario storico – continua Bonardi - siamo nel mezzo tra Modena e Perugia e non abbiamo avuto dubbi quando ci hanno chiesto di portare i bambini a vedere l’allenamento di Modena (ride, ndr). Parlando con Alberto Casadei è nato questo progetto che cerchiamo di portare avanti nel migliore dei modi. Per noi sarà sicuramente un’occasione vantaggiosa. Ci aspettiamo di crescere a livello societario, imparando da una società importante che come noi cerca di lavorare molto sul Settore Giovanile”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La chiusura è di Frascogna: “L’idea dell’affiliazione  a Modena Volley è nata e si è sviluppata in tempi brevissimi, noi cerchiamo sempre di migliorare e crescere sotto ogni punto di vista e da una società che ha fatto e fa la storia della pallavolo italiana possiamo solo imparare. Ci piace pensare anche che qualcuno dei nostri ragazzi possa avere un futuro in un grande club. A noi interessa lavorare più sulla qualità che sulla quantità perciò abbiamo affidato il progetto Modena Volley a Mario De Angioletti, una persona capace e preziosa. Mi aspetto una crescita societaria sotto ogni punto di vista, una crescita formativa per i dirigenti e per i tecnici oltre a quella sportiva per i ragazzi”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento