Sport Via Divisione Acqui / Viale dello Sport

DHL Modena – Diatec Trentino 3-1 | Un rullo compressore giallo fa brillare gli occhi al PalaPanini

Prova maiuscola dei ragazzi di Lorenzetti, che sconfiggono Trento dimostrando un gioco davvero efficace e una tensione agonistica sopra le righe. Diatec sottotono che ora spera nel fattore casalingo per riportare la serie in parità (23-25; 26-24; 25-19; 25-17)

Al PalaPanini c'è il superclasico, il derby dell'Autobrennero, la partita clou della pallavolo italiana degli ultimi anni. Le semifinali playoff si aprono a Modena, dove Dhl e Diatec Trentino si affrontano senza un vero favorito della vigilia. Sestetti un po' acciaccati da entrambi le parti, ma lo spettacolo è una garanzia e il folto pubblico non resta deluso. Anzi.

Modena sforna una prova maiuscola, con un unico neo sul finale del primo parziale, e ciude la pratica in poco più di 90 minuti di gioco. Prova davvero convincente da parte di tutto l'organico in divisa gialla, nessuno escluso, con un Lucas Saatkamp davvero incontenibile. Trento subisce forse più del previsto e si inchina ad una differenza tecnica mai apparsa così evidente e sicuramente poco veritiera.

IL MATCH - Si incomincia senza esclusione di colpi, con grande grinta da entrambi le parti della rete. Il primo break è di Trento sul 6-4, grazie ad un ottimo muro che a più riprese blocca gli attacchi dei gialli. Ci pensa però Bruno con un ace a ricucire, portando il set in parità 9 a 9. Poi al servizio arriva Ngapeth che con due magie manda al riposo tecnico i suoi in vantaggio 12-10. Il livello tecnico del match è alto, come nelle aspettative, e nessuno è disposto a cedere. La Diatec pareggia nuovamente a quota 14, ma l'inerzia resta in mano ai padroni di casa. Brillano in questa fase Vettori e Djuric, ma entrambi i registi variano moltissimo la distribuzione. Modena fa un altro balzo in avanti sul 19-17 e Radostin Stoj?ev chiama timeout: non serve perchè Ngapeth trova il terzo ace della partita: 20-17. Gli ospiti però non ci stanno e forzano in attacco, recuperando tre punti e riaprendo il parziale grazie al turno al servizio di Matej Kazijski. Modena si scompone e i trentini salgono in cattedra compiendo una piccola impresa e giocandosi tre setpoint. Il terzo è quello buono: il primo parziale si chiude 23-25.

2° SET – Si ricomincia all'insegna dell'equilibrio: tanta potenza per tutti gli attaccanti in campo e le difese non riescono a contenere pressochè nessuna palla. Tanti ribaltamenti di fronte, ma nessuno riesce a prendere il largo. Ci prova Modena a metà set, con il primo break sul 12-10, grazie ad un primo tempo di un ottimo Bossi. Come nel set precedente gli ospiti non lasciano margine di fuga e pareggiano immediatamente il conto. Nuovo allungo gialloblu qualche minuto dopo e nuovo pareggio a quota 15. Si prosegue ancora punto a punto. Vettori trova un nuovo ace “impallinando” Djuric e fornendo ai suoi un nuovo break 21-19. Urnaut trova però un grande colpo in diagonale e pareggia nuovamente a quota 22. Il primo setpoint arriva per la Dhl, ma il muro trentino lo annulla, portando il set ai vantaggi. Bastano soltanto due scambi a Modena per chiudere il parziale.

3° SET – Il turno di Bruno ai 9 metri in apertura di set porta i suoi frutti e i gialli vano subito avanti 3-0. Modena sembra aver ingranato una marcia in più: i servizi di Ngapet e i primi tempi di Lucas annichiliscono Trento che sprofonda 8-1, costringendo Stoj?ev a fermare tutto. Lo slancio della Dhl viene in qualche modo contenuto dalla Diatec, che ritrova i meccanismi efficaci che contraddistinguono il suo gioco, ma al timeout tecnico il divario è ancora importante: 12-6. Un vantaggio che i padroni di casa conservano intatto anche negli scambi successivi. La partita vive di scambi movimentati e Trento risale piano piano la china. Ma non basta a riaprire il parziale. Il punteggio finale inchioda gli uomini in divisa bianca sul 25-19.

4° SET – Trento prova a riprendersi dallo scivolone del set precedente, ma è ancora la Dhl a provare l'allungo, convincendo l'allenatore trentino a chiamare timeout già sul 4-2. Ma la furia di Stoj?ev non viene compresa dai suoi ed è il compassato Lorenzetti a sorridere, con Modena che va sul 8-4. La Dhl va a segno da ogni parte del campo, sostenuta da un PalaPanini davvero al settimo cielo, tra le giocate spettacolari di Ngapeth e l'efficacia costante di Lucas e Vettori. Al timeout tecnico il punteggio è di 12-7. La reazione di Trento non arriva e Modena dilaga ulteriormente: Lucao magistrale, trova anche un ace e porta i suoi sul 16-9. Il successivo timeout chiamato da Trento sul 21-13 ha già il sapore della resa. Il punteggio finale è impietoso: 25-16.

La sfida si sposta quindi a Trento, campo storicamente ostico per la Dhl Volley, che non deve certo sedersi sull'alloro del PalaPanini, ma resettare immediatamente e sgomberare la mente da un'euforia che rischia di divetare un pessimo alleato. Gara 2 si gioca martedì 12 aprile alle ore 20.30.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

DHL Modena – Diatec Trentino 3-1 | Un rullo compressore giallo fa brillare gli occhi al PalaPanini

ModenaToday è in caricamento