Venerdì, 23 Luglio 2021
Sport Via L.F.Teichfuss

Appennino in alta quota, si è conclusa la prima edizione della "Pavullo Glide"

Si è conclusa alle ore 12:30 di ieri, 7 settembre, con la premiazione dei primi tre classificati, la competizione “Pavullo Glide 2018”. 
Le previsioni meteo di oggi infatti non hanno consentito agli atleti di cimentarsi nell’ultima giornata di prove. Queste le considerazioni conclusive di Romeo Monti, vice direttore della competizione e membro della STS, Sezione Tecnico Sportiva dedicata al Volo a Vela di Aero Club d’Italia, nonché responsabile di specialità nel consiglio direttivo di Aero Club Pavullo: “L’esperienza Pavullo Glide è stata decisamente positiva; si è trattato della prima competizione dedicata esclusivamente al volo a vela di carattere nazionale aperta ai piloti stranieri, tenutasi all’Aeroporto di Pavullo: “Ci siamo impegnati in un’attività preliminare durata diversi mesi, ma l’evento è stato realizzato in maniera decisamente professionale, non solo ai fini della gestione tecnica in senso stretto, ma con una particolare attenzione all’accoglienza ed alla convivialità dei piloti sia prima che dopo le competizioni”.

“Arrivati alla conclusione – dichiara Romeo Monti – dobbiamo ringraziare innanzitutto ENAV Bologna, nelle persone del dott. Larghetti e del dott. Latorre, poiché è grazie all’emissione del Notam che ha deviato il traffico commerciale destinato all’aeroporto di Bologna, che i piloti hanno potuto sfruttare appieno le potenzialità offerte dalla rarissima combinazione di fattori positivi per il volo veleggiato che si trovano nelle nostre zone. Dal punto di vista strettamente sportivo – prosegue Monti – è con piacere che registriamo la vittoria di un pilota del nostro Appennino, che è arrivato primo nonostante atleti molto blasonati gli abbiano dato filo da torcere sino all’ultimo”.

“Non posso concludere – dice Monti – senza ringraziare calorosamente lo staff tecnico che ha gestito la competizione; si tratta di persone già esperte nella gestione di gare internazionali, che hanno dimostrato una volta in più la loro professionalità. Partendo da Aldo Cernezzi, direttore di gara, Ezio Sarti, meteorologo, François Robert, addetto alla creazione delle classifiche e alle verifiche tecniche”.
“Dopo i primi giorni di rodaggio – prosegue Monti, che è stato l’elemento di coordinamento tra lo staff aeroportuale ed i professionisti sopra nominati – si è arrivati ad un bel affiatamento, che ci ha fatto passare questi otto giorni in competizione ma anche in allegria”.

“Questa prima gara si è conclusa con successo – dichiara Roberto Gianaroli, presidente di Aero Club Pavullo - ed è stata altamente funzionale alla formazione di tutto lo staff tecnico in vista del Mondiale 2019. Occorre ringraziare tutti gli attori dell’evento, dagli atleti al personale dell’aeroporto perché, ognuno nel proprio ruolo, sono stati i veri protagonisti di questo avvenimento – prosegue Gianaroli - ma un ringraziamento è rivolto anche alle strutture ricettive del territorio che hanno accolto gli atleti con grande calore”.

“Il risultato di unire sport a promozione del territorio, siamo riusciti a raggiungerlo grazie agli eventi enogastronomici ed alle attività culturali poste in atto nelle giornate no task ossia senza competizioni – ribadisce Gianaroli. - Ora guardiamo al futuro cercando di lavorare intensamente sull’infrastruttura aeroportuale e su quanto a questa collegato per prepararci ad un mondiale che lasci un ricordo di sé sia al territorio che agli atleti. Un’attività importante sarà quella di tenere attivo e potenziare il raccordo con le istituzioni – conclude Gianaroli - a partire dal ministero dei trasporti (ENAC), la regione Emilia-Romagna, la provincia di Modena ed il comune di Pavullo senza trascurare Aero Club d’Italia e la Federazione Aeronautica Internazionale, veri motori di questo mondiale in divenire”.

Alla premiazione erano presenti la Consigliere della Regione Emilia-Romagna Luciana Serri ed il delegato del Sindaco di Pavullo assessore al bilancio Gian Luca Muzzarelli. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appennino in alta quota, si è conclusa la prima edizione della "Pavullo Glide"

ModenaToday è in caricamento