rotate-mobile
Sport

Avellino Carpi, probabili formazioni | Lungo viaggio nella tana dei "Lupi" per i biancorossi

Biancorossi sul campo del temibile Avellino appaiato in classifica. Castori: “Consapevoli delle loro e delle nostre qualità. Cerchiamo altre risposte”. Fuori Bianco, di nuovo abili Pasciuti e Gagliolo

Una di quelle gare che si preparano da sole, come si suol dire. Il “piccolo” Carpi va a trovare il “grande” Avellino, ambizioso e determinato, seguito da un pubblico che si annuncia a quattro zeri e che ha colto nella sua squadra i segnali perché possa essere un anno speciale. Stimoli quindi a go-go, per la truppa di Castori che dopo sette partite è lì, a far parlare di sé, nell’altissima classifica. “La salvezza innanzitutto” – ha però ammonito il tecnico, ospite in settimana a “Sportitalia”. Sarà. 
Certo è che stuzzica assai il match del Partenio, impianto  intitolato al capitano della promozione in serie A dei verdi di casa, Adriano Lombardi.  Si gioca di domenica, come una volta, alle 15, ed esattamente come lo scorso anno, quando la squadra di casa sculacciò quattro volte un Carpi che in campo non “scese” affatto… 
Fabrizio Castori elogia l’avversaria: “L’Avellino è forte come gruppo, come singoli, e ha un ottimo sistema di gioco. Quest’anno i nostri avversari hanno  aggiunto la consapevolezza di poter essere protagonisti. Castaldo in B è quasi sprecato, è un vero leader, un trascinatore. La gara è difficilissima, questo è fuori discussione. Tuttavia proveremo a dar fondo ad ogni energia, il Carpi è consapevole della sua forza e può tirar fuori una prestazione all’altezza”.
 
Un cammino parallelo negli ultimi quattro anni. Una curiosa somiglianza di ripescaggi, campionati vinti e rinnovate ambizioni. Avellino e Carpi, storia calcistica decisamente differente (i verdi irpini vantano dieci tornei in serie A), sono accomunate dal ripescaggio del 2010, dalla promozione in C1 l’anno dopo, si sfidarono per la prima volta nel girone A di terza serie nel 2012, per poi separarsi e centrare l’obiettivo della cadetteria. Analoga è anche la classifica attuale (“Che parla chiaro” – sottolinea Castori che poi aggiunge “Per ora”), con le due contendenti nel gruppone all’inseguimento della capolista Perugia. 

DAL CAMPO
Rastelli ha in animo di cambiare due undicesimi rispetto al pareggio di Terni, ovvero inserire Chiosa in difesa ed Arrighini in avanti a far coppia col capocannoniere Castaldo, autore di una magnifica “bicicletta” al Liberati, un gol da manuale e da sigla tv.  
Il Carpi deve rinunciare a Bianco (infortunatosi con la Pro Vercelli) e forse anche a Struna, comunque convocato. In preallarme Mbaye in mezzo, qualche chance anche per Sabbione. Di nuovo a disposizione Gagliolo e Pasciuti. Castori ha anche provato Inglese accanto a Mbakogu in attacco, ma resta improbabile un 4-4-2. Lo schieramento più "gettonato" alla vigilia  prevede il ritorno di Poli al centro della difesa accanto a Romagnoli, Letizia e Gagliolo esterni bassi, Lollo e Porcari a centrocampo con Mbaye, con i “guastatori” Concas e Di Gaudio a supportare Mbakogu. 

I PRECEDENTI: DUE SUCCESSI DEI “LUPI”
1-0 il 12/10/11, gol di Thiam in 1. Divisione Lega Pro; 4-1 in serie B (marcatori Galabinov 2, D’Angelo, Porcari e Soncin)

PROBABILI FORMAZIONI (domenica 12, ore 15 – stadio “Partenio – Lombardi”)
AVELLINO (3-5-2): Gomis; Pisacane, Ely, Chiosa;  Bittante, Schiavon, Kone, Arini, Zito; Arrighini, Castaldo. All.:Rastelli
CARPI (4-3-3): Gabriel; Letizia, Romagnoli, Poli, Gagliolo; Lollo, Porcari, Mbaye; Concas, Mbakogu, Di Gaudio. All.: Castori.
Altri convocati per la trasferta di Avellino: Maurantonio (secondo portiere), Struna, Inglese, Sabbione, Embalo, Suagher, Gatto, Pasciuti, Ricci, Lasagna. 
Arbitro: sig. Manganiello di Pinerolo (Tolfo-Cangiano, IV°Martinelli)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avellino Carpi, probabili formazioni | Lungo viaggio nella tana dei "Lupi" per i biancorossi

ModenaToday è in caricamento