menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Pescara e Carpi nell'ultimo match del'11 marzo 2018,

Pescara e Carpi nell'ultimo match del'11 marzo 2018,

Pescara-Carpi, probabili formazioni | Biancorossi, il riscatto passa dall'Adriatico

Castori: "Avversario di grande qualità. Ci vogliono aggressività ed attenzione". Debutto in porta di Piscitelli. Si gioca alle 21

Già la trasferta di Pescara (venerdì, ore 21), sarebbe stata impegnativa in condizioni “normali”. Per il Carpi, senza i il suo top player (il portiere titolare Colombi, squalificato per due turni, salterà anche la Salernitana) e il “dodicesimo” Serraiocco (infortunato, tra l’altro pescarese di nascita), quella dell’Adriatico lo è ancora di più. Sulla strada del riscatto dopo la sconfitta casalinga col Lecce, i biancorossi dovranno compattarsi ancora di più, davanti al portiere designato per questa delicatissima sfida. La società è corsa ai ripari, provando ed ingaggiando il 25enne Riccardo Piscitelli che ha preso la maglia n. 35.  Già Primavera del Milan, negli ultimi anni a Benevento ha giocato però davvero poco.  Emergenza assoluta, in attesa di intervenire “pesantemente” sul mercato, con almeno altri tre arrivi. 

Castori analizza così il match dell’Adriatico “Cornacchia”: “Di Colombi ha già parlato il direttore, non ci voglio tornare sopra, anche se ha preso una squalifica immeritata. Gioca Piscitelli, un ragazzo che ha voglia di far bene ed è in linea con i nostri principi. Per noi è una gara difficile contro un’avversaria di grande qualità, col centrocampo più  forte del torneo. Brugman, per fare un esempio, in B è sprecato. Tuttavia, nonostante la sconfitta, col Lecce abbiamo disputato la migliore gara della mia gestione, confermando di essere in crescita. Indi per cui a Pescara, pur nutrendo grande rispetto per gli avversari che giocando in casa avranno smania di riscatto, ci giocheremo le nostre carte, puntando sull’attenzione e sull’aggressività per limitare il loro gioco, badando anche e soprattutto a rispettare le distanze. Pillon? Con Bepi ci conosciamo da tanti anni, dai tempi di Treviso-Tolentino, in C2, tanto per dire. E’ un ottimo tecnico, esperto e capace, d’altronde i risultati parlano per lui. Quando ho ereditato il Carpi dalla sua gestione (estate 2014, n.d.r.), trovai una squadra con dei criteri giusti a livello tattico, è un allenatore che sa dare molto equilibrio alle proprie squadre, ha grande conoscenza della categoria e i risultati del Pescara testimoniano il suo valore

Segui Pescara-Carpi in diretta streaming su DAZN.
Il primo mese è GRATIS!

DAL CAMPO – Rientra Sabbione, match winner dell’ultimo match nello scorso marzo. Il calciatore genovese con Calabro in quel periodo giocava “finto” centravanti. A Pescara torna in difesa al centro insieme a Poli. Piscitelli in porta al posto dello squalificato Colombi, per il resto l’assetto dovrebbe restare identico alla gara col Lecce. 

Anche il Pescara, sconfitto a Perugia, cerca il rilancio dopo un periodo di flessione sul piano dei risultati ed anche della brillantezza. Pillon è consapevole delle difficoltà dell’impegno ed ammonisce:  “Il Carpi ha fatto più punti fuori che in casa. Corre molto, pressa e non ti lascia giocare, so a cosa vado incontro, non sarà facile. Bisognerà avere pazienza e disciplina tattica”. Assenti Fiorillo e Campagnaro, defezioni non da poco per l’ex Pillon (guidò il Carpi per quattro mesi nel 2014). La buona notizia per il “delfino” è il recupero dell’altro ex Ledian Memushaj (due anni a Carpi non consecutivi, nel 2011/12 e 2013/14), elemento cardine della squadra adriatica. Abile e arruolato anche Balzano. Scalera, Antonucci, e Kanoutè non convocati.  

LE PROBABILI FORMAZIONI (stadio Adriatico “Giovanni Cornacchia”, venerdì ore 21)
PESCARA (4-3-3): Kastrati; Balzano, Gravillon, Perrotta, Del Grosso; Brugman, Machin, Memushaj; Marras, Mancuso, Crecco. A disp.: Farelli, Fornasier, Elizalde, Ciofani II, Melegoni, Scognamiglio, Palazzi, Monachello, Cocco, Del Sole, Scuccimarra All.: Pillon. 
CARPI (4-4-1-1): Piscitelli; Pachonik, Poli, Sabbione, Buongiorno; Jelenic, Mbaye, Pasciuti, Piscitella; Concas; Mokulu. A disp.: Sambo, Ligi, Suagher, Barnofsky, Frascatore, Vano, Romairone, Di Noia, Saric, Machach, Arrighini. All.: Castori.
ARBITRO: Maggioni di Lecco (Capaldo di Napoli/Di Gioia di Foligno; quarto uff. Massimi di Termoli)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento