Sport

Fratellanza 1874, Lucia Quaglieri campionessa italiana under 23 di prove multiple

Un fine settimana dalle tante facce per i colori giallo-blu impegnati in tante gare in giro per Italia e non solo. A Isernia la Giannotti bronzo nei 200. Bressanone e Modena: ecco i risultati

Lucia Quaglieri: primo titolo 2018. Lucia Quaglieri ha portato alla Fratellanza 1874 il suo primo titolo di campionessa italiana under 23 di prove multiple.  A Torino la giovane ha guidato la classifica dalla prima giornata collezionando 4.936 punti. Il successo è stato costruito soprattutto con alcuni risultati importanti come i 100 ostacoli in 14.54, gli 800 corsi in 2:16.75 ed i 200 metri corsi in 26.48. Poi Lucia ha ottenuto il personale nel peso con la misura di 11,94, 5,17 nel lungo, 1,47 in alto e 34,30 nel giavellotto. In vista dei campionati italiani assoluti, l’atleta di Sant’Agata Bolognese dovrà migliorare i salti (lungo e alto) e consolidare le altre specialità per poter puntare a qualcosa di importante anche tra le grandi dell’atletica azzurra.

Universitari a Isernia: bronzo Giannotti nei 200. I campionati italiani universitari che sono andati in scena ad Isernia hanno visto alcuni atleti della Fratellanza vestire i colori del Cus di appartenenza. Per il Cus Modena nei 200 metri è brillata Federica Giannotti, che in questa occasione rientrava alle gare dopo un leggero infortunio. Per lei, dopo la squalifica nella finale dei 100 metri per falsa partenza, la rivincita è arrivata dai 200 dove con il tempo di 24.26 è andata a solo un decimo dal successo e a 3/100 dall’argento. Cesare Cozza ha gareggiato nei 5000 metri di marcia concludendo la sua fatica al quinto posto in 22’03”33 in una gara dominata da Francesco Fortunato del Cus Foggia, Fiamme Gialle. Nei 100 metri piani Laura Fattori non è riuscita  ad entrare in finale mentre Federica Giannotti ha conquistato il pass per la finale grazie ad un ripescaggio col crono di 12”32, poi squalificata per falsa partenza.

Brixia meeting. Nel weekend a Bressanone è andato in scena il trentaseiesimo Brixia Meeting, una gara di alto prestigio che mette a confronto atleti della categoria allievi provenienti dalle varie rappresentative regionali italiane e non solo. L’Emilia Romagna ha ottenuto il settimo posto su 18 formazioni con parte della formazione schierata proveniente dalla Fratellanza. Una ottima prestazione è stata realizzata da Martina Cornia sui 1500 metri: la giovane mezzofondista ha infatti chiuso la gara con un brillante 4:41.18 mettendo al collo la medaglia di bronzo e migliorando il primato personale di un secondo e mezzo. Sempre rimanendo nel mezzofondo Serena Cerfogli, che si è cimentata nei 2000 metri siepi, ha concluso la sua gara al  quattordicesimo posto in 7:58.13. Nel salto in alto Tiddy Faye ha valicato, come molte altre atlete in gara, la misura di 1,57 piazzandosi sulla base degli errori commessi nei salti precedenti in dodicesima posizione. Nella velocità in gara sui 100 metri è salita sui blocchi Irene Pini che ha conquistato la nona piazza in 12.41 e la nona nella 4x100 mentre il velocista giallo-blu Riccardo Valentini ha corso i 100 metri in 11.52 vicino al personale e preso parte alla 4x100 dell’Emilia Romagna, che  per un problema tecnico non è riuscita a terminare la gara, otre

Bertoni, giornata no a Rehlingen. Francesca Bertoni ha gareggiato Rehlingen, in Germania, sui 3000 metri siepi, con l’obiettivo di incontrare un buon riscontro tecnico. Dopo una buona partenza la gara non è andata come previsto, con un crono finale di 10:08. La Bertoni tornerà a Modena domani dove si concentrerà sui futuri appuntamenti in una stagione dove l’appuntamento più importante restano gli Europei.

Trofeo Goldoni Benetti. Nel ricordo di due grandi amici dell’atletica e giudici apprezzati, il memorial Goldoni e Benetti ha visto Modena ospitare il meeting regionale che ha portato quasi 750 atleti in gara domenica. Sorpresa nel salto in lungo dove Kelvin Purboo, specialista del salto in alto, ha vinto la gara di salto in lungo atterrando a 7,09.

Negli 800 metri piani la gara di ottimo livello ha visto Lorenzo Lamazzi chiudere in 1:51.21 in una gara vinta dal toscano Alessio Ferrara in 1:50.44. Michele De Berti ha terminato in 1:54.98 all’ottavo posto. Nei 400 ostacoli Elena Benevelli ha messo al collo la medaglia d’argento con un crono finale di 1:04.41, tempo che la Benevelli dovrebbe migliorare il prossimo fine settimana. 

Nei 200 metri tempi medaglia d’argento per Eleonora Iori che ha corso in 24.43 i 200 metri sotto i ventidue secondi per Matteo Ansaloni settimo in 21.90 mentre Freider Fornasari ha colto il nono posto in 21.95. Nella serie extra dei 1500 metri con alcuni dei migliori azzurri in gara tra cui Riccardo Tamassia che ha ottenuto il sesto posto con il tempo di 3:47.84 e tredicesimo posto per Simone Colombini con il crono di 3:55.04.

Nelle gare giovanili buoni i risultati della Fratellanza.Negli 80 metri piani cadetti Niccolò Cavicchioli si è piazzato al terzo posto con 9.54, quinto Nicolò Brandoli con 9.86. Nel salto in alto medaglia d’oro per Martina Berni che ha superato la misura di 1,50 metri all’ultima prova. Anche nel salto triplo Martina Barbieri ha  trovato la migliore misura all’ultimo salto conquistando con 9,43 metri la terza pizza. Nel getto del peso vittoria per Francesca Bisceglia con 8,75 metri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fratellanza 1874, Lucia Quaglieri campionessa italiana under 23 di prove multiple

ModenaToday è in caricamento