Record italiano Under 23 sui 50 metri per Zlatan, promessa dell'atletica modenese

Primi scampoli della stagione Indoor vera e propria subito targati Fratellanza. A Parma, sulla distanza breve dei 50 metri, Andrei Alexandru Zlatan firma il record italiano Under 23, con il tempo di 5.85, mettendo la ciliegina sulla torta ad un ottimo 2018. E l’anno nuovo sotto la Ghirlandina si aprirà con il raduno azzurro dei saltatori in alto, con il Campo Scuola che ormai è diventato un vero e proprio centro tecnico di riferimento per la Fidal.

Zlatan e il record imbattuto da 34 anni

Non era certamente paragonabile per importanza alla storica prestazione di Pietro Mennea sui 200 metri piani, ma il record battuto ieri dal velocista di casa Fratellanza Andrei Alexandru Zlatan era sicuramente uno dei più longevi e resisteva da poco meno di 34 anni. Sebbene i 50 metri piani non siano una specialità “ufficiale” e si corrano solo in alcuni meeting Indoor, l’atleta gialloblù ha comunque realizzato un risultato di assoluto valore, superando il 5.89 fatto registrare da Leonardo Poli il 26 gennaio 1985 a Lucca. Teatro di questa prova il rettilineo del PalaLottici di Parma, dove ieri pomeriggio è andato in scena il Meeting Regionale di Natale. Una prima prova generale in vista delle gare che davvero conteranno ad inizio 2019, dove Zlatan ha conquistato la vittoria grazie al tempo di 5.85 ottenuto in finale, dopo aver concluso al primo posto anche la propria batteria di qualificazione con un crono di 6.05.

In campo femminile, sulla medesima distanza, per la Fratellanza in gara anche Leonice Germini, che ha chiuso al secondo posto con il tempo di 6.70, alle spalle di Moilet Kouakou dell’Atletica Vicentina. L’atleta portacolori modenese aveva a sua volta vinto la propria batteria, realizzando anche il miglior crono di qualificazione con 6.68.

A Modena dal 4 al 13 gennaio il raduno azzurro del salto in alto

Modena capitale dell’Atletica non solo per le gare ospitate, la qualità dei tecnici e per i risultati raccolti dagli atleti della Fratellanza. Le ottime strutture del Campo Scuola, in continua evoluzione grazie al rinnovamento dell’impianto Outdoor e al progetto di raddoppio della pista Indoor, hanno spinto la Fidal a scegliere sempre più come proprio punto di riferimento per la propria attività la nostra città. Tanto che dal 4 al 13 gennaio, per il primo stage di allenamento del nuovo anno, sotto la Ghirlandina arriveranno alcuni degli atleti e atlete più rappresentative della nostra Nazionale per quanto concerne il salto in alto tra cui Elena Vallortigara, una delle assolute protagoniste della specialità che in estate è diventata la quarta italiana di sempre a valicare il muro dei due metri.

Modena che, per altro, è già stata scelta da diverso tempo come sede di allenamento da più di un’atleta di vertice appartenente ai Gruppi Sportivi Militari. Agli ordini di Giuliano Corradi, che riveste anche il ruolo di Direttore Tecnico della Fratellanza, lavorano attualmente saltatori del calibro di Silvano Chesani, in forza alle Fiamme Oro Padova, autore della quinta prestazione italiana di sempre a livello Outdoor (2.31m) e terza a livello Indoor (2.33m) o Eugenio Meloni, Carabiniere anch’egli nel giro azzurro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tavoli pieni e cena regolare nei ristoranti aperti ieri sera contro il Dpcm

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • Coronavirus, percentuale di positivi in crescita. A Modena altro picco

  • Coronavirus, oggi dati in netto calo in Emilia-Romagna. A Modena 203 casi

  • Bozza Dpcm 15 gennaio in arrivo le nuove restizioni. Emilia-Romagna a rischio rosso

  • #ioapro, controlli e multe nei locali e nelle palestre. Sanzioni anche per i clienti

Torna su
ModenaToday è in caricamento