Riccardo Riccò ha trovato una squadra ed è pronto per tornare a correre

Il patron di Amore&Vita è pronto a rilanciare Riccò nel Giro della Toscana e detta le sue cinque condizioni all'atleta

Sembra essere arrivato il momento di tornare a gareggiare per Riccardo Riccò; il fuoriclasse formiginese aveva dichiarato le sue intenzioni di voler salire di nuovo in sella dopo l'udienza presso la Procura Antidoping del Coni lo scorso 13 Aprile e a proposito aveva detto:"Mi sento ancora un ciclista e  voglio tornare a correre. Non ho niente da nascondere, sto cercando una squadra. Ci sono tanti altri corridori nella mia posizione che corrono regolarmente."

Ora pare che il momento del suo ritorno sia molto vicino; il patron di Amore&Vita, Ivano Fanini, ha espresso la sua volontà di rilanciare Riccò con la maglia della sua squadra il prossimo 19 Giugno nell'occasione del Giro della Toscana.

Fanini, che ritiene Riccardo Riccò "l'unico italiano che può fare imprese almeno in due grandi Giri nella stessa stagione ed andar forte tutto l'anno", ha però dettato all'atleta cinque condizioni necessarie per essere ammesso nella squadra:
1 - "Al prossimo incontro con Fanini, Riccò deve aver tolto i due orecchini ed il brillante che ha incastonato in un dente come prova di una nuova immagine".
2 - "Deve licenziare il procuratore e, se esistente, anche il preparatore. Non deve quindi mai avere al seguito queste figure professionali e nemmeno un avvocato".
3 - "Deve avere aggiornato il passaporto biologico e non avere mai un medicinale o una siringa al seguito, se non espressamente autorizzati dal team".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

4 - Deve venire ad abitare con la compagna ed il figlio in una villetta a pochi km dalla sede del team per poter essere controllato in ogni momento.
5 - Deve mettere a disposizione delle autorità competenti su quanto ancora di nuovo è a conoscenza sul sistema doping.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo amore per Nicoletta Mantovani, la vedova Pavarotti sposa a settembre

  • Coronavirus, 39 nuovi casi positivi in regione: 10 sono a Modena

  • Incidente in via Pancaldi, non ce l'ha fatta lo scooterista di 55 anni

  • Coronavirus, 69 nuovi casi in regione. La metà tra Bologna e Reggio Emilia

  • Coronavirus. Tampone obbligatorio per chi rientra da Spagna, Grecia, Croazia e Malta

  • Covid, famiglie e imprese dovranno segnalare i rientri dall'estero. Poi quarantena in hotel

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento