rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Sport

Ciclismo, Riccò: il Tna conferma i dodici anni di squalifica

Potrebbe essere finita oggi la carriera ciclistica del 'Cobra' di Formigine che dopo le autotrasfusioni del 2011 è stato sanzionato con 12 anni di squalifica

La Procura antidoping del Coni aveva chiesto dodici anni di squalifica e il tribunale nazionale antidoping li ha confermati. Dunque per Riccardo Riccò, il 'Cobra' di Formigine, non ci sono forse più speranze di poter ricominciare a gareggiare in nessun modo. Il formiginese venne trovato positivo per la prima volta al test antidoping durante il Tour de France 2008, scontò due anni di squalifica e nemmeno un anno dopo aver ricominciato a correre e a vincere, venne ricoverato d'urgenza per un blocco renale dovuto alle autotrasfusioni che fecero ripartire accuse e processi fino alla sentenza di oggi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ciclismo, Riccò: il Tna conferma i dodici anni di squalifica

ModenaToday è in caricamento